Armillaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Armillaria
Armillaria mellea JPG1.jpg
Armillaria mellea
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Marasmiaceae
Genere Armillaria

Genere Armillaria (Fr.) Staude, Die Schwämme Mitteldeutschlands xxviii, 130 (1857).

Il genere Armillaria fu creato nel secolo scorso e includeva specie di funghi lamellati leucosporei provvisti di "armilla", anello molto vistoso e persistente, svasato e libero verso l'altro (residuo del velo parziale). Tali specie erano tuttavia disomogenee e pertanto furono tutte collocate in altri generi più rispondenti alle loro caratteristiche, con l'eccezione dell'Armillaria mellea, per la quale fu creato il nuovo genere Armillariella. Alcuni autori, tuttavia, preferiscono lasciare l'A. mellea nel genere Armillaria insieme all'Armillaria tabescens, che differisce dalla prima solo per l'assenza dell'anello.

Descrizione del genere[modifica | modifica wikitesto]

Il genere include specie lignicole parassite e saprofite, con cappello asciutto, ricoperto di scaglie, lamelle da bianco a rosa, leggermente decorrenti, gambo con anello, sporata bianca o color crema, spore non amiloidi, ellissoidali, lisce, prive di poro germinativo.

Specie di Armillaria[modifica | modifica wikitesto]

La specie tipo del genere è l'Armillaria mellea (Vahl) P. Kumm. (1871).

Altre specie appartenenti al genere sono:

Commestibilità delle specie[modifica | modifica wikitesto]

Rizomorfe di Armillaria

Quasi sempre ottima, con cautela (tutte le specie sono tossiche o velenose da crude)

Nota bene

A. mellea ha rivelato una certa tossicità anche dopo cottura se precedentemente sottoposta a congelamento.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino armilla = braccialetto, armillaria = attinente ai braccialetti, per il suo anello.

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

  • Armillariella (P. A. Karsten) P. A. Karsten, Acta Soc. Fauna Fl. Fenn. 2: 4. 1881.
  • Polymyces Battarra ex F. S. Earle, Bull. New York Bot. Gard. 5: 447. 8 Feb 1909.

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia