Esercito popolare Boricua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Armata Popolare Boricua)

L'Esercito popolare Boricua (in spagnolo: Ejército Popular Boricua o EPB) è un'organizzazione guerrigliera operante in Porto Rico, con cellule presenti anche negli Stati Uniti.

L'armata lotta per conseguire l'indipendenza di Porto Rico da quello che viene chiamato il colonialismo statunitense. Il Federal Bureau of Investigation (FBI) considera l'organizzazione come terrorista.[1]

I suoi membri sono noti anche come los macheteros, ovvero "coloro che usano il machete".

Michael González Cruz, nel suo libro Nacionalismo Revolucionario Puertorriqueño ("nazionalismo rivoluzionario portoricano"), stima che i membri attivi possano essere circa 5.700 tra uomini e donne e che possono contare su un numero imprecisato di fiancheggiatori, simpatizzanti ed informatori, divisi in cellule di sei-dieci militanti, sia negli Stati Uniti che in altri paesi. Il settimanale inglese The Economist stima invece i membri attivi in 1.100 unità, escludendo i fiancheggiatori.[2]

Il gruppo ha rivendicato la responsabilità di numerosi attentati dinamitardi, attacchi contro l'esercito statunitense e rapine a mano armata a partire dal 1978, ed è stato guidato da Filiberto Ojeda Ríos (incluso nella lista FBI Most Wanted Fugitives) fino alla sua morte sopraggiunta nel 2005.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Threat of Terrorism to the United States: Testimony of Louis J. Freeh, Director, FBI, before the United States Senate Committees on Appropriations, Armed Services, and Select Committee on Intelligence, 10 maggio 2001
  2. ^ (ES) Macheteros Aun Activos, 7 dicembre 2006. URL consultato il 23 maggio 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]