Armando Verdiglione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Armando Verdiglione (Caulonia, 30 novembre 1944) è un editore e filosofo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vincitore di una borsa di studio nel Collegio Augustinianum, ha studiato nell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dove si è laureato in Lettere e Filosofia con una tesi su "I Giganti della Montagna" di Pirandello, psicanalista formatosi con Jacques Lacan[1], traduttore e scrittore di saggi, pubblica in Italia con le case editrici Marsilio, Rizzoli, Feltrinelli e Sugarco, con cui collabora[2][3]. Per quest'ultima dirige la collana "Bordi"[4]. Nel 1977 traduce la raccolta di testi Scilicet di Jacques Lacan per Feltrinelli[5] e il Seminario XXII[6].

Con la sua casa editrice pubblica testi come la traduzione del Malleus Maleficarum, Il martello delle streghe[7], il manuale dell'Inquisizione per la caccia alle streghe, e in seguito, sempre per le edizioni Spirali, pubblica alcuni testi di Giordano Bruno, come Le ombre delle idee[8] e Cabala del cavallo pegaseo[9]. Traduce per Feltrinelli libri che in Francia animano il dibattito in ambito culturale, come il saggio di Luce Irigaray Speculum. L'altra donna edito da Feltrinelli nel 1977 nella traduzione di Luisa Muraro, il libro di Maud Mannoni Educazione impossibile[10]. Conosce in Francia e introduce in Italia la nota studiosa di psicanalisi e linguaggio Julia Kristeva[11]; incontra anche Jean Oury, fondatore assieme a Félix Guattari della clinica La borde[12], di cui pubblica i libri Creazione e schizofrenia, Psicosi e logica istituzionale. “Il collettivo”, Babele e la Pentecoste. La Borde e la scrittura della psicosi, La psicosi e il tempo[13].

Traduce sempre per Feltrinelli l'edizione del libro di Jean-Joseph Goux, Freud, Marx: economia e simbolico[14].

Negli anni Settanta fonda il Movimento Freudiano Internazionale e l'attività editoriale che si chiamerà Spirali Edizioni. Con la casa editrice Spirali, Verdiglione pubblica in Italia autori come Jean Daniel, Bernard-Henri Lévy, André Glucksmann, Marek Halter, Fernando Arrabal, Alain Robbe-Grillet.

Nell'ottobre 1978 esce in edicola il primo numero del mensile Spirali. Giornale internazionale di cultura, a cui segue l'edizione francese Spirales nel 1981 e, nel 1991, Il Secondo Rinascimento.

Nel 1975 Armando Verdiglione e il Collettivo “Semiotica e psicanalisi” organizzano a Milano, in cinque sedi differenti, il Congresso internazionale "Sessualità e politica" seguito dai media italiani e internazionali[15]. Partecipano molte persone, tra cui filosofi, psicanalisti, medici, psichiatri, semiotici, letterati, scrittori, esponenti politici di vari paesi[16].

Nel 1976, sempre con il Collettivo “Semiotica e psicanalisi”, organizza il congresso “La follia”, che si svolge in più sedi, tra cui il Palazzo dei Congressi e il Museo della scienza e della tecnica. Il congresso è seguito dalla stampa di vari paesi[17][18][19][20][21].

Intanto, inventa[2] la cifrematica, la cosiddetta scienza della parola[22]. Nell'Enciclopedia Rizzoli Larousse, edizione del 1990[23], viene così definita la cifrematica:

« Scienza della parola intesa come cifra. Teoria elaborata da Armando Verdiglione e utilizzata all'interno di esperienze di conversazione, lettura, ecc. Secondo la cifrematica ogni parola può essere analizzata secondo la sua 'logica' (idiomatica) o la sua qualità o 'cifrema' (cifratica). Cinque sono le 'logiche' (delle relazioni, stigmatica, delle funzioni, delle operazioni, delle dimensioni) e tre le 'strutture' (sintattica, frastica e pragmatica) secondo cui ogni parola può essere 'decifrata' »

Nel 1985 sono a Milano, su invito di Armando Verdiglione, prima Eugène Ionesco e in seguito Jorge Luis Borges. Nel dicembre del 1985, a un'assemblea di intellettuali e lettori, Borges partecipa a un convegno organizzato da Verdiglione, portando la testimonianza della sua vita e della sua attività di poeta, documentata nel libro Una vita di poesia[24].

Gli anni '90 e 2000[modifica | modifica wikitesto]

L'attività editoriale negli anni novanta e 2000, proseguendo quanto già avviato negli anni ottanta, si indirizza sopra tutto sulla dissidenza, in particolare dissidenti e romanzieri russi. Pubblica libri di Vladimir Bukovskij, Aleksandr Zinovev, Jurij Naghibin, Vladimir Maksimov e molti altri. L'interesse per la Russia lo porta a pubblicare saggisti come Viktor Suvorov, gli ambasciatori russi in Italia Anatoly Adamishin, Karlov Jurij, il teorico della perestrojka Aleksandr Jakovlev, e l'ex ministro per l'energia e leader dell'attuale opposizione liberale Boris Nemtsov.

Oltre agli autori russi, pubblica dissidenti provenienti da tutto il pianeta, da Cuba alla Cina. In questa direzione sono stati organizzati i convegni internazionali Festival della modernità a partire dalla metà degli anni 2000 che propongono, in ciascuna edizione, diverse tematiche (scrittura, libertà, politica, ...).

Le critiche e le vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985 Armando Verdiglione è al centro di una serie di vicende giudiziarie ("Affaire Verdiglione") relative all'attività sua, della sua "Fondazione" e dei suoi collaboratori. Nel 1986 viene condannato a quattro anni e due mesi di reclusione per truffa, tentata estorsione e circonvenzione di incapace, condanna che passa in giudicato nel marzo del 1989[25].

Intellettuali di vari paesi (tra cui Bernard-Henri Lévy, Eugène Ionesco, Fernando Arrabal, Marek Halter, Georges-Marc Benamou, Jacques Henric, Vladimir Bukovskij, Moustapha Safouan, Iannis Xenakis, Alexadre Zinovev, Georges Mathé, Claude Lanzmann), acquistano una pagina del quotidiano francese Le Monde di domenica 11 e lunedì 12 gennaio del 1987 in cui pubblicano e sottoscrivono un appello rivolto al Presidente della Repubblica italiana e ai giudici milanesi, col quale denunciano un presunto clima di caccia alle streghe. Il caso Verdiglione secondo i firmatari mette in discussione le nozioni di diritto, giustizia e libertà di parola in Italia[26].

Jean Daniel, direttore del Nouvel Observateur, lo stesso giorno, pubblica su la Repubblica una lettera, intitolata "Difendo Verdiglione", rivolta al direttore del quotidiano[27].

In Italia il Partito Radicale organizza un incontro internazionale in piazza Montecitorio sul tema Armando Verdiglione, a cui partecipano anche importanti esponenti del "Comitato Internazionale per Armando Verdiglione", promosso dallo scrittore e giornalista Alberto Moravia, e intellettuali stranieri tra cui Eugène Ionesco, Emmanuel Lévinas, Fernando Arrabal, Vladimir Bukovskij, Bernard-Henri Lévy, Marek Halter.[28]. La Repubblica scrive che "dopo quello di Enzo Tortora ci sarà la sponsorizzazione da parte del Partito Radicale del caso giudiziario di Armando Verdiglione"[29].

Dal 1987 al 1988 il programma satirico Drive In lo fa conoscere anche al grande pubblico, attraverso la parodia del "Dottor Vermilione, psicanalista santone" impersonato da Ezio Greggio.

Il caso Verdiglione è anche citato in relazione al disegno di legge per l'abolizione del reato di circonvenzione d'incapace (articolo 643 del codice penale).[30]

Negli anni ottanta, nel pieno delle inchieste giudiziarie, l'associazione da lui fondata viene definita setta[31] dallo psicoterapeuta infantile Claudio Foti. Analoga affermazione fu fatta nel 2006 da Patrizia Calefato, professore associato di sociolinguistica, che così espresse in un'intervista per un quotidiano in occasione dell'incontro con Armando Verdiglione organizzato all'Università di Bari da Augusto Ponzio, professore ordinario di filosofia del linguaggio, intitolato "La cifra del Levante"[32].

Dopo la condanna in Cassazione del 1989, la vicenda giudiziaria apertasi nel 1985 si conclude con il rinvio a giudizio per i capi di imputazione stralciati in occasione del primo procedimento giudiziario[33] e con il definitivo patteggiamento nel 1992 a una pena di un anno e 4 mesi e indennizzi di oltre 3 miliardi di lire a ex allievi[34][35][36].

Nel giugno 2011 si concludono le indagini della Guardia di Finanza coordinate dalla Procura della Repubblica di Milano. Verdiglione viene indagato per evasione fiscale in relazione all'emissione di fatture false, e appropriazione indebita. A seguito della richiesta avanzata dalla Procura di Milano, due dimore storiche riconducibili al professore (tra cui la nota Villa San Carlo Borromeo di Senago) per ordinanza del Gip vengono poste sotto sequestro preventivo, pur mantenendone la disponibilità[37]. A meno di tre settimane di distanza il Tribunale del Riesame di Milano annulla i decreti di sequestro concessi dal Gip Cristina Mannocci al Pm Bruna Albertini, e restituisce gli immobili alle proprietà, in quanto non sussiste l'accusa di evasione fiscale. Si tratterebbe invece di neutralità fiscale, in quanto l'IVA dovuta sarebbe sempre stata pari a zero[38] (in base alle conclusioni del giudice, sarebbero state emesse fatturazioni fittizie - ma regolarmente pagate - tra società facenti capo a Verdiglione, allo scopo di ottenere crediti presso gli istituti finanziari, potendo esibire bilanci dai quali risultano entrate ingenti, in realtà fasulle). Le vicende giudiziarie di Verdiglione non risultano concluse: il 24 maggio 2012 la giudice Laura Marchiondelli rinvia a giudizio Armando Verdiglione per associazione a delinquere finalizzata a frode fiscale e truffa allo Stato.[39]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Libri pubblicati in Italia[modifica | modifica wikitesto]

  • L'Affaire fiscale ovvero il dispensario del tempo, Spirali, 2012
  • Scrittori, artisti, Spirali, 2009
  • La libertà della parola, Spirali, 2009
  • La politica e la sua lingua, Spirali, 2009
  • La nostra salute, Spirali, 2007
  • Il capitale della vita, Spirali, 2007
  • Master dell'art ambassador, Spirali, 2005
  • Master del brainworker, Spirali, 2005
  • Master del cifrematico, Spirali, 2005
  • L'interlocutore, Spirali, 2005
  • Il Manifesto di cifrematica, Spirali, 2004
  • La rivoluzione cifrematica, Spirali, 2004
  • Artisti, Spirali, 2003
  • Il brainworking. La direzione intellettuale. La formazione dell'imprenditore. La ristrutturazione delle aziende, Spirali, 2003
  • Edipo e Cristo. La nostra saga, Spirali, 2002
  • La famiglia, l'impresa, la finanza, il capitalismo intellettuale, Spirali, 2002
  • Venere e Maria. La fiaba originaria (con Maria Grazia Amati e Alessandro Taglioni), Spirali, 2002
  • Niccolò Machiavelli, Spirali/Vel, 1994
  • Leonardo da Vinci, Spirali/Vel, 1993
  • La congiura degli idioti, Spirali/Vel, 1992
  • L’albero di San Vittore, Spirali, 1989
  • Lettera all’eccellentissima corte di appello, Spirali, 1987
  • Quale accusa?, Spirali, 1987
  • Processo alla parola, Spirali, 1986
  • Il giardino dell’automa, Spirali, 1984
  • Manifesto del secondo rinascimento, Rizzoli 1983, Spirali 2002
  • La mia industria, Rizzoli 1983, Spirali, 2002
  • Dio, Spirali, 1981
  • La peste, Spirali, 1980
  • La psicanalisi questa mia avventura, Marsilio 1978, Spirali, 1997
  • La dissidenza freudiana, Feltrinelli 1978, Spirali, 1997

Pubblicazioni in altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

  • La dissidence freudienne, Grasset, 1978
  • La psychanalyse. Cette aventure qui est la mienne, UGE 10/18, 1979
  • La peste. Fondations de la psychanalyse. 0., Galilée, 1981
  • Dieu. Fondations de la psychanalyse. 1., Grasset, 1982
  • La liberté que je prends, Gallimard, 1983
  • Manifeste de la deuxième renaissance, "Spirales", nn. 40-41, 1984
  • Le jardins d'automne. Fondations de la psychanalyse. 2., Carrère, 1985
  • La conjuration des idiots, Grasset, 1992
  • La peste, Monte Avila Editores, Caracas, 1983
  • Psychanalyse et sémiotique. Actes du colloque de Milan (1974), UGE, Parigi, 1974
  • Matière et pulsion de mort, UGE, Parigi, 1975
  • Sexualité et politique. Documents du congrès de Milan (1975), UGE, Parigi, 1975
  • La jouissance et la loi, UGE, Parigi, 1976
  • Dissidence de l’inconscient et pouvoirs, UGE, Parigi, 1980
  • La folie, I. Actes du colloque de Milan (1976), UGE, Parigi 1976
  • La folie, II. actes du colloque de Milan, UGE, Parigi, 1976
  • La violence, I. Actes du colloque de Milan (1977), UGE, Parigi, 1977
  • La violence, II. Actes du colloque de Milan (1977), UGE, Parigi, 1977
  • La sexualité dans les institutions, Payot, Parigi, 1978
  • Drogue et langage, Payot, Parigi, 1978
  • Sexualité et pouvoir (Milan 1975), Payot, Parigi, 1975
  • La folie dans la psychanalyse. Actes du colloque La folie (Milan 1976)??, Payot, Parigi, 1976
  • La sexualité. D’où vient l’Orient? Où va l’Occident? Document du congrès de Tokyo, La deuxième renaissance, 1984, Belfond, Parigi, 1984
  • Antipsychiatrie und Wunschökonomie (Materialen des Kongresses), Merve Verlag, Berlin
  • Psychoanalyse und Politik in Mailand (8-9 mai 1973), Merve Verlag, Berlin
  • Psicoanálisis y semiótica, Gedisa, Barcellona
  • Locura y sociedad segregativa, Editorial Anagrama, Barcellona
  • Sexualidade e poder, Edicoes Settanta, Lisbona

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Élisabeth Roudinesco, Histoire de la psychanalyse en France, vol. 2, Paris: Le Seuil, 1986 (réédition Fayard 1994)
  2. ^ a b dal sito web italiano per la filosofia
  3. ^ http://www.ildomenicale.it/arretrati/n.28%20-%2014%20luglio%202007.pdf intervista a Verdiglione per il Domenicale
  4. ^ http://www.mieilibri.it/Scienze-umane/Sociologia-e-comunicazione/Sollers-scrittore-La-dissidenza-della-scrittura_3644.html
  5. ^ Jacques Lacan e altri, Scilicet : rivista dell'école freudienne de Paris, traduzione di Armando Verdiglione, Feltrinelli, Milano, 1977
  6. ^ Jacques Lacan, trad. it. di A. Verdiglione, Il seminario XXII. R.S.I. (1974-1975), in «Ornicar?», nn. 2-5, Venezia 1978
  7. ^ Heinrich Institor (Krämer), Jakob Sprenger, a cura di Armando Verdiglione, Il martello delle streghe. La sessualità femminile nel "transfert" degli inquisitori, Spirali, Milano, 1984, 2° ed 2006
  8. ^ Giordano Bruno, a cura di Antonio Caiazza, Le ombre delle idee, Spirali, Milano, 1988
  9. ^ Giordano Bruno, a cura di Carlo Sini, Cabala del cavallo pegaseo, Spirali, Milano, 1998
  10. ^ Maud Mannoni, Educazione impossibile, Feltrinelli, Milano, 1974
  11. ^ Spirali pubblicherà le opere La rivoluzione del linguaggio poetico. L'avanguardia nell'ultimo scorcio del XIX secolo: Lautrémont e Mallarmé e Poteri dell'orrore. Saggio sull'abiezione
  12. ^ Félix Guattari
  13. ^ http://www.spirali.com/books-of-Jean+Oury.php
  14. ^ Jean-Joseph Goux, Freud, Marx : economia e simbolico, introduzione e cura di Armando Verdiglione, Milano, Feltrinelli, 1976
  15. ^ atti del Convegno Sessualità e politica edito da Feltrinelli
  16. ^ "25.-28.11.75: 2000 partecipanti al Congresso di Psicanalisi con tema "Sessualità e Politica", svoltosi a Milano"
  17. ^ Gilles Anquetil, "A Milan, le sage congrès de la folie", Les Nouvelles Littéraires, 16 dicembre 1976
  18. ^ Roger Dadoun, "A Milan F comme Folie", La Quinzaine littéraire, 16–31 dicembre 1976
  19. ^ Christian Descamps, "A Milan au congrès de psychanalyse on a débattu (vivement) de “Sexe et politique”", La Quinzaine littéraire, 1-15 gennaio 1976
  20. ^ Congres v Milanu, “Razprave problemi”, dicembre 1976
  21. ^ Robert Maggiori, "La 'Jet Society' psychanalytique reunie a Milan", Liberation, 9 dicembre 1976
  22. ^ Italianistica Online » 2004 » Cifrematica: di che cosa parliamo?
  23. ^ Enciclopedia Universale Rizzoli Larousse, Rizzoli, Milano, 1990
  24. ^ Luigi Mascheroni, il Giornale, 4 novembre 2007
  25. ^ Armando Verdiglione affidato ai servizi sociali
  26. ^ "Pour Armando Verdiglione", Le Monde, 11 gennaio 1987
  27. ^ "Difendo Verdiglione", di Jean Daniel, direttore di Le Nouvel Observateur pubblicato da la Repubblica, 11 gennaio 1987
  28. ^ Caso verdiglione: martedi' 8 agosto, all'hotel nazionale in piazza montecitorio, a partire dalle ore 11.45, incontro internazionale sul tema: "il caso verdiglione". marco pann...
  29. ^ I RADICALI BOCCIANO PANNELLA - Repubblica.it » Ricerca
  30. ^ http://legislature.camera.it/_dati/leg10/lavori/stampati/pdf/39170001.pdf
  31. ^ sito dell'associazione diretta da Claudio Foti
  32. ^ Verdiglione fuori dall'Ateneo
  33. ^ MILANO, 18 RINVII A GIUDIZIO PER LA VICENDA ' VERDIGLIONE' - Repubblica.it » Ricerca
  34. ^ Non profit, Verdiglione fa lo sponsor
  35. ^ Gianfrancesco Turano, Verdiglione spa, in Corriere Economia, 15/10/2007, p. 9
  36. ^ Verdiglione, ovvero come sposare lo sponsor e viver felici
  37. ^ Corriere della Sera
  38. ^ Luigi Ferrarella sul Corriere della Sera
  39. ^ Corriere della Sera

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie