Armando Brambilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Armando Brambilla
vescovo della Chiesa cattolica
Armando Brambilla.jpg
Mons. Brambilla durante un convegno, il 9 novembre 2011.
BishopCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Vescovo ausiliare di Roma
Nato 21 gennaio 1942 a San Maurizio al Lambro
Ordinato presbitero 11 giugno 1977 dall'arcivescovo Clemente Gaddi
Nominato vescovo 25 marzo 1994 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 7 maggio 1994 dal cardinale Camillo Ruini
Deceduto 24 dicembre 2011 a San Maurizio al Lambro

Armando Giuseppe Brambilla (San Maurizio al Lambro, 21 gennaio 1942San Maurizio al Lambro, 24 dicembre 2011) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a San Maurizio al Lambro, frazione di Cologno Monzese, in provincia ed arcidiocesi di Milano, il 21 gennaio 1942. Lavora come ragioniere presso il comune di Cologno Monzese.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver maturato la vocazione entra, nel 1972, come seminarista presso i preti del Sacro Cuore della Comunità Missionaria del Paradiso di Bergamo; nel seminario della stessa città effettua gli studi di filosofia e teologia.

È ordinato presbitero l'11 giugno 1977 dall'arcivescovo Clemente Gaddi per la diocesi di Bergamo. Subito dopo l'ordinazione è inviato a Roma, dove è vicario parrocchiale della chiesa di San Giustino nel quartiere Alessandrino; qui fa posare la prima pietra dell'attuale oratorio. Nel 1986 è nominato parroco della stessa chiesa.

Ottiene la licenza in teologia pastorale presso la Pontificia Università Lateranense.

Nel 1993 è nominato cappellano di Sua Santità.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 marzo 1994 papa Giovanni Paolo II lo nomina vescovo ausiliare di Roma e vescovo titolare di Giomnio; riceve l'ordinazione episcopale il 7 maggio successivo, nella basilica di San Giovanni in Laterano, dal cardinale Camillo Ruini, coconsacranti i vescovi Giuseppe Mani (poi arcivescovo) e Roberto Amadei. Riceve l'incarico di delegato per l'assistenza religiosa negli ospedali e nei luoghi di cura della capitale.

Dal 24 ottobre 1995 all'8 giugno 2010 è segretario della Conferenza episcopale laziale.

Dal 1999 ricopre l'incarico di coordinatore della confederazione delle confraternite delle diocesi d'Italia per conto della CEI.

Muore improvvisamente, nel silenzio di una camera della sua abitazione di San Maurizio al Lambro, il 24 dicembre 2011 all'età di 69 anni; le sue esequie vengono celebrate dal cardinale Agostino Vallini nel paese d'origine.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Giomnio Successore BishopCoA PioM.svg
Fabio Suescún Mutis 25 marzo 1994 - 24 dicembre 2011 Jaime Calderón Calderón