Armand-Charles Caraffe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Metello assedia una città

Armand-Charles Caraffe (Parigi, 1762Parigi, 18 agosto 1822) è stato un pittore francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu allievo di Louis-Jean-François Lagrenée e poi di Jacques-Louis David, debuttando con un premio minore conseguito dall'Académie Royale de Peinture et de Sculpture nel 1780. Al Salon del 1783 presentò il Ritorno del figliol prodigo e la Resurrezione del figlio della vedova di Nain. Nel 1784 e 1785 concorse al Prix de Rome, ottenendo di potersi recare a Roma occupando il posto lasciato vacante dalla prematura scomparsa del pensionnaire Jean-Germain Drouais: qui il suo gusto «selvaggio e barbaro» fu notato dal direttore dell’Accademia francese a Roma, François-Guillaume Ménageot.

Dal 1788 al 1789 risiedette in Egitto e poi in Turchia: tornato a Parigi, espose regolarmente le sue tele al Salon. Durante la Rivoluzione, dopo la caduta di Robespierre, fu imprigionato per breve tempo a causa del suo giacobinismo. Dal 1802 lavorò in Russia, tornando definitivamente a Parigi nel 1812.

Altre opere[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 39646725