Ariel Atom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ariel Atom
ArielAtom5807.jpg
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Ariel Ltd
Tipo principale Barchetta
Produzione dal 2003
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3.410 mm
Larghezza 1.798 mm
Altezza 1.195 mm
Massa 612 kg
Altro
Auto simili KTM X-Bow
Caterham Seven
WrightspeedRear4885.JPG

La Ariel Atom è un'automobile ad alte prestazioni costruita dalla britannica Ariel Motor Company.

Il contesto[modifica | modifica sorgente]

La particolarità di questa vettura è che il telaio funge anche da carrozzeria, motivo per cui mancano porte, finestrini, tetto ed altre parti che solitamente fanno parte di un'automobile, rendendola di conseguenza catalogabile tra le "barchette".

La vettura presenta diverse motorizzazioni, che vanno da un propulsore 2.0 L Honda K20A1 i-VTEC a quattro cilindri fino ad un motore 2.4 L Ecotec a quattro cilindri, passando per un 2.0 L supercharged e un General Motors 2.2 L supercharged. La potenza erogata da questi motori, in combinazione con un peso minimo irrisorio, permette alla Atom di avere un rapporto peso/potenza particolarmente basso.

Tale configurazione permette al veicolo di accelerare da 0 a 100 km/h in 2,7 secondi e di raggiungere una velocità massima di 240 km/h.[1]

Versioni speciali[modifica | modifica sorgente]

Ariel Atom 500[modifica | modifica sorgente]

Nel febbraio 2008 è stata annunciata al pubblico la versione più estrema della Atom: la Atom 500. Essa presenta un motore V8 da 3 litri, in luogo del tradizionale 4 cilindri da 2 litri. Questo motore è formato da due motori 4 cilindri della motocicletta Suzuki Hayabusa, montati sullo stesso basamento, formando un V8; il limitatore di giri è a 10.300 rpm. Questo nuovo propulsore eroga 500 cv. Questa vettura pesa 550 kg, di conseguenza ha un rapporto peso/potenza di 1,1 kg per cavallo. Le prestazioni sono eccellenti: 0-100 in 2.3 secondi, velocità massima 270 km/h. Sulla pista di Top Gear, l'auto ha segnato un tempo di 1.15,1.

Ariel Atom Mugen[modifica | modifica sorgente]

Nel 2011, per commemorare i dieci anni di produzione della vettura, la Ariel realizzò una versione speciale della Atom in collaborazione con la Mugen Honda. Costruita in dieci esemplari, la vettura era dotata di una livrea speciale e di un propulsore Honda K20Z Type R dalla potenza di 270 cv con 255 Nm di coppia. Ciò permetteva un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi, con velocità massima di 241 km/h.L'impianto frenante era costituito da quattro freni a disco ventilati Alcon, mentre gli pneumatici sportivi erano Yokohama AO48. Le informazioni per la gestione del mezzo venivano visualizzate su uno schermo LCD incassato nel cruscotto in fibra di carbonio. [2]

Ariel Atom 3.5[modifica | modifica sorgente]

Nel 2012 è stata introdotta la versione 3.5 della Atom. Questa versione era dotata di una nuova strumentazione digitale, nuovi gruppi ottici che sfruttavano la tecnologia LED e diverse modifiche alla carrozzeria. Sospensioni e telaio erano stati irrigiditi per migliorare la maneggevolezza del veicolo, mentre come propulsori erano disponibili due Honda 2.0 dalle potenze rispettivamente di 245 e 310 cv. [3]

Impiego in polizia[modifica | modifica sorgente]

Nel 2014 il dipartimento di polizia della contea britannica del Somerset ha ricevuto in dotazione un modello della Ariel Atom denominato PL1. Adottata per gli inseguimenti ad alta velocità, la vettura presentava tutte le dotazioni specifiche di una volante della polizia, mentre la meccanica di base rimaneva invariata. [4]

La Atom nei media[modifica | modifica sorgente]

  • In ambito televisivo, la Atom compare varie volte nel programma inglese Top Gear.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 2009 Ariel Atom. URL consultato il 09 aprile 2013.
  2. ^ ARIEL ATOM MUGEN. URL consultato il 07 aprile 2014.
  3. ^ Ariel Atom 3.5. URL consultato il 24 aprile 2014.
  4. ^ 2014 Ariel Atom PL1 Police. URL consultato il 13 settembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili