Ariadne Oliver

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ariadne Oliver è un personaggio letterario creato dalla scrittrice di romanzi gialli Agatha Christie. Questo personaggio è comparso per la prima volta in un racconto incluso poi nella raccolta Parker Pyne indaga del 1934. La prima volta in cui avrà invece un ruolo più ampio e complesso sarà nel romanzo Carte in tavola del 1936, in cui collaborerà insieme a Poirot, al sovrintendente Battle e al Colonnello Race alla soluzione dell'omicidio. Per lungo tempo non comparirà più come personaggio nella produzione letteraria della Christie, fino al 1952, anno in cui verrà pubblicato Fermate il boia, che segnerà l'avvio di una presenza più costante della Oliver all'interno dei romanzi che avranno per protagonista Poirot. L'elenco completo delle opere in cui compare il personaggio della Oliver è il seguente:

Viene inoltre più volte citata anche in Sfida a Poirot del 1963.

Il personaggio della Oliver si può tranquillamente considerare un alter ego della Christie, infatti ha molto in comune con lei:

  • è una scrittrice di libri gialli;
  • il protagonista dei suoi libri è un investigatore di origine finlandese;
  • anche la Oliver non sopporta più il personaggio dell'investigatore da lei creato;
  • presenta gli stessi tic, manie e insicurezze della Christie (torcersi le mani come una scolaretta, l'eccessiva timidezza, la passione per le mele);
  • nel romanzo Fermate il boia fa esprimere alla Oliver i sentimenti che lei stessa prova nel vedere modificare i propri romanzi per farne adattamenti teatrali o cinematografici.

Va notato inoltre un parallelismo tra il nome di Ariadne, che richiama la figura mitologica di Arianna, con la Christie, in quanto entrambe sono state abbandonate dall'amato.