Area Democratica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Area Democratica è un'associazione che riunisce alcune correnti del Partito Democratico che hanno sostenuto la candidatura del segretario uscente Dario Franceschini alle elezioni primarie del 25 ottobre 2009. Le correnti che hanno preso parte all'associazione sono i Veltroniani (compreso Piero Fassino), I Popolari ufficialmente l'associazione Quarta Fase vicina ad Antonello Soro e lo stesso Franceschini, Ecologisti Democratici ed i Liberal PD. Attualmente la componente veltroniana e fioroniana della corrente hanno costituito il Movimento Democratico.

L'associazione è formata da:

La corrente si batte per un partito a "vocazione maggioritaria", che non vuol dire "autosufficienza": le alleanze non sono escluse, ma devono essere strettamente vincolate ad un progetto politico comune (nessuna ripetizione dell'esperienza dell'Unione); e, in ogni caso, il PD, perno di una coalizione, deve aspirare a rappresentare su ogni tema la maggioranza dei cittadini, senza deleghe o "appalti" ad altri partiti, evitando ad esempio di "lasciare" il tema della giustizia all'IDV, l'ambiente ai Verdi, il precariato alla Sinistra radicale.

La corrente si dice oppositrice ad ogni forma di compromesso su temi come la giustizia che possano portare alla formazione di leggi ad personam[1]. Tale corrente è stata soprannominata dei Franceschiniani[2].

Attualmente la corrente collabora con la maggioranza del partito facente a capo Pier Luigi Bersani[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandro Trocino, Asse Veltroni-Franceschini «Il buon inciucio non esiste» in Corriere della Sera, 20 dicembre 2009, p. 5. URL consultato il 04-06-2010.
  2. ^ PD: NASCE 'AREA DEMOCRATICA' COMPOSTA DAI 'FRANCESCHINIANI' in Asca, 27 ottobre 2009. URL consultato il 04-06-2010.
  3. ^ Il Pd riparte da Bersani. I veltroniani si astengono sulla sua relazione

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Politica