Arcidiocesi di Gulu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Gulu
Archidioecesis Guluensis
Chiesa latina
St. Josephs Cathedral in Gulu.JPG
  Uganda - Arcidiocesi di Gulu.png
Diocesi suffraganee
Arua, Lira, Nebbi
Arcivescovo metropolita John Baptist Odama
Sacerdoti 52 di cui 29 secolari e 23 regolari
12.946 battezzati per sacerdote
Religiosi 48 uomini, 181 donne
Diaconi 4 permanenti
Abitanti 1.178.621
Battezzati 673.198 (57,1% del totale)
Superficie 27.945 km² in Uganda
Parrocchie 23
Erezione 12 giugno 1923
Rito romano
Indirizzo P.O. Box 200, Gulu, Uganda
Sito web www.archdioceseofgulu.org
Dati dall'Annuario Pontificio 2008 * *
Chiesa cattolica in Uganda

L'arcidiocesi di Gulu (in latino: Archidioecesis Guluensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2007 contava 673.198 battezzati su 1.178.621 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo John Baptist Odama.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi comprende i distretti di Amuru, Gulu, Kitgum e Pader nella regione Settentrionale dell'Uganda.

Sede arcivescovile è la città di Gulu, dove si trova la cattedrale di San Giuseppe.

Il territorio è suddiviso in 23 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La prefettura apostolica del Nilo equatoriale fu eretta il 12 giugno 1923 con il breve Quae catholico di papa Pio XI, ricavandone il territorio dal vicariato apostolico di Bahr el-Ghazal (oggi diocesi di Wau).

Il 14 luglio 1927 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della prefettura apostolica di Bahr el-Gebel (oggi arcidiocesi di Juba).

Il 10 dicembre 1934 la prefettura apostolica fu elevata a vicariato apostolico con la bolla Ex divi Petri dello stesso papa Pio XI.

Il 1º dicembre 1950 cambiò nome in favore di vicariato apostolico di Gulu.

Il 25 marzo 1953 il vicariato apostolico fu elevato a diocesi con la bolla Quemadmodum ad Nos di papa Pio XII.

Il 23 giugno 1958, il 22 marzo 1965 e il 12 luglio 1968 cedette porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente delle diocesi di Arua, di Moroto e di Lira.

Il 2 gennaio 1999 è stata ancora elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Quo aptius provideretur di papa Giovanni Paolo II.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2007 su una popolazione di 1.178.621 persone contava 673.198 battezzati, corrispondenti al 57,1% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 166.243 1.038.000 16,0 49 10 39 3.392 16 14
1970 248.615 484.034 51,4 60 8 52 4.143 83 135 114
1980 301.059 657.705 45,8 48 11 37 6.272 1 77 139 21
1990 308.500 702.500 43,9 54 33 21 5.712 1 39 265 24
1999 760.565 1.453.244 52,3 60 29 31 12.676 45 345 22
2000 778.275 1.496.841 52,0 57 27 30 13.653 58 379 24
2001 431.448 856.448 50,4 64 37 27 6.741 44 153 22
2002 447.600 886.800 50,5 64 36 28 6.993 49 153 23
2003 610.057 1.048.208 58,2 56 28 28 10.893 51 180 23
2004 622.913 1.079.654 57,7 53 26 27 11.753 51 178 23
2006 655.281 1.145.405 57,2 53 28 25 12.363 51 169 23
2007 673.198 1.178.621 57,1 52 29 23 12.946 4 48 181 23

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi