Arcidiocesi di Gaeta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Gaeta
Archidioecesis Caietana
Chiesa latina
Gaeta, Basilica Cattedrale - Facciata.jpg
Regione ecclesiastica Lazio
Arcivescovo Fabio Bernardo D'Onorio, O.S.B.
Vicario generale Giuseppe Sparagna
Sacerdoti 81 di cui 54 secolari e 27 regolari
1.880 battezzati per sacerdote
Religiosi 30 uomini, 216 donne
Diaconi 18 permanenti
Abitanti 160.150
Battezzati 152.350 (95,1% del totale)
Superficie 603 km² in Italia
Parrocchie 57 (4 vicariati)
Erezione VIII secolo
Rito romano
Cattedrale Santi Erasmo e Marciano e Santa Maria Assunta
Indirizzo Piazza Episcopio 2, 04024 Gaeta [Latina], Italia
Sito web www.arcidiocesigaeta.it
Dati dall'Annuario Pontificio 2007 * *
Chiesa cattolica in Italia

L'arcidiocesi di Gaeta (in latino: Archidioecesis Caietana) è una sede della Chiesa cattolica immediatamente soggetta alla Santa Sede, appartenente alla regione ecclesiastica Lazio. Nel 2006 contava 152.350 battezzati su 160.150 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Fabio Bernardo D'Onorio, O.S.B.

Patroni[modifica | modifica wikitesto]

Patroni dell'arcidiocesi sono i santi Erasmo e Marciano, commemorati il 2 giugno.

Compatrona è la Madonna della Civita venerata nel santuario situato sulla sommità del monte Fusco, nel comune di Itri. La ricorrenza liturgica è il 21 luglio.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio dell'arcidiocesi comprende quello di alcuni comuni della provincia di Latina (Campodimele, Castelforte, Fondi, Formia, Gaeta, Itri, Lenola, Minturno, Monte San Biagio, Santi Cosma e Damiano, Sperlonga, Spigno Saturnia), compresi quelli delle isole Ponziane (Ponza, Ventotene), e della provincia di Frosinone (Ausonia, Coreno Ausonio, Pastena).

Sede arcivescovile è la città di Gaeta, dove si trova la basilica cattedrale di Maria Santissima Assunta.

Il territorio è suddiviso in 57 parrocchie raggruppate in quattro foranie: Fondi, Formia, Gaeta e Minturno.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Parrocchie dell'arcidiocesi di Gaeta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La cattedra episcopale, nella cattedrale di Gaeta (2014).

La fondazione della diocesi coincide con la traslazione della sede vescovile di Formia a Gaeta, avvenuta all'epoca dell'abbandono della città di Formia dopo un assedio saraceno (859 circa). Il titolo di vescovo di Formia è attestato per l'ultima volta con il vescovo Leone II.

Nel X secolo venne unita alla diocesi di Gaeta quella di Traetto (l'antica diocesi di Minturno, accorpata a Formia attorno al 590 e restaurata con il nuovo nome sotto il pontificato di papa Leone III).

La cattedrale di Gaeta venne consacrata da papa Pasquale II e dal vescovo Alberto un 22 gennaio,[1] probabilmente quello del 1106 (ma l'anno, che da Ferdinando Ughelli a Ludovico Antonio Muratori fino a Paul Fridolin Kehr oscilla tra il 1099 e il 1110, è incerto).

Nel 1818, a seguito del concordato stipulato tra papa Pio VII e il re delle Due Sicilie Ferdinando I di Borbone, alla diocesi di Gaeta venne unita quella soppressa di Fondi.

Immediatamente soggetta alla Santa Sede sin dalle origini, il 31 dicembre 1848 la sede di Gaeta venne elevata ad arcidiocesi da papa Pio IX in occasione del suo esilio nella città.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Campolo † (attestato nel 790) (vescovo di Formia)
  • Giovanni I o Leone I † (attestato nell'840) (vescovo di Formia)
  • Costantino † (846 - dopo l'855)
  • Leone II † (menzionato nell'861)
  • Rainulfo † (menzionato nell'870)
  • Docibile † (menzionato nell'879)
  • Buono † (menzionato nell'880)
  • Rainulfo † (menzionato nel 911)
  • Marino I † (X secolo)
  • Adeodato † (X secolo)
  • Leone III † (X secolo)
  • Pietro I † (X secolo)
  • Giovanni II † (menzionato nel 963)
  • Bernardo I † (menzionato nel 969)
  • Stefano † (menzionato nel 983)
  • Leone IV † (menzionato nel 995)
  • Bernardo II † (997 - 1009)
  • Marino II † (menzionato nel 1007 circa)
  • Teodorico † (menzionato nel 1035 circa)
  • Leone V † (menzionato nel 1050)
  • Trasmondo † (menzionato nel 1075)
  • Rinaldo, O.S.B. † (prima del 1090 - dopo il 1093)
  • Alberto † (prima del 1105 - dopo il 1110)
  • Riccardo I, O.S.B. † (1120 - maggio 1141)
  • Bertoldo † (1141 - ?)
  • Giaquinto † (? - 1158)
  • Rinaldo, O.S.B. † (prima del 1169 - 1171 nominato arcivescovo di Bari)
  • Pietro II † (? - 1200 deceduto)
  • Egidio † (30 dicembre 1200 - ?)
  • Gualtiero † (1220 - ?)
  • Adenolfo † (1223 - dicembre 1238)
  • Riccardo II † (dicembre 1238 - ?)
  • Pietro da Terracina, O.P. † (31 marzo 1252 - ?)
  • Benvenuto † (31 gennaio 1256 - 1276 deceduto)
  • Bartolomeo † (21 dicembre 1276 - ?)
  • Matteo Mirabello † (1290 - 1305 deceduto)
  • Francesco Bruno, O.F.M. † (18 febbraio 1306 - 1320 deceduto)
  • Francesco Gattola † (21 agosto 1321 - 8 ottobre 1340 deceduto)
  • Antonio Aribandi, O.F.M. † (25 maggio 1341 - 1344 deceduto)
  • Ruggero Friezie † (10 novembre 1348 - 1372 deceduto)
  • Giovanni III † (9 aprile 1375 - ? deceduto)
  • Pietro IV † (1381 - 23 marzo 1395 deceduto)
  • Agostino, O.E.S.A. † (12 novembre 1395 - agosto 1397 deceduto)
  • Ubertino Lipari, O.F.M. † (18 agosto 1397 - 1399 deceduto)
  • Niccolò, O.S.B. † (24 dicembre 1399 - 14 maggio 1404 nominato vescovo di Isernia)
  • Marino Merula † (14 maggio 1404 - ? deceduto)
  • Antonio da Zagarolo, O.F.M. † (20 maggio 1422 - 1427 deceduto)
  • Giovanni de Normannis † (15 ottobre 1427 - novembre 1440 deceduto)
  • Felice Fajadelli, O.P. † (24 gennaio 1441 - 1444 dimesso)
  • Giacomo di Navarra † (22 maggio 1444 - 1461 deceduto)
  • Francesco Patrizi † (4 ottobre 1463 - 1494 deceduto)
  • Baccio Ugolini † (24 agosto 1494 - 1494 deceduto)
  • Paolo Odierna † (22 ottobre 1494 - 13 agosto 1506 deceduto)
  • Fernando Herrera † (4 novembre 1506 - 1518 deceduto)
  • Tommaso De Vio, O.P. † (13 aprile 1519 - 10 agosto 1534 deceduto)
  • Esteban Gabriel Merino † (17 febbraio 1535 - 28 luglio 1535 deceduto)
  • Pedro Flores † (31 gennaio 1537 - 3 maggio 1540 deceduto)
  • Antonio Lunello † (19 gennaio 1541 - 1559 deceduto)
  • Pietro Lunello † (30 gennaio 1566[2] - 7 maggio 1587 deceduto)
  • Alfonso Laso Sedeño † (12 ottobre 1587 - 7 febbraio 1596 nominato arcivescovo di Cagliari)
  • Giovanni de Gantes † (28 maggio 1598 - 28 aprile 1604 nominato vescovo di Mazara del Vallo)
  • Domingo (Pedro) de Oña, O. de M. † (27 giugno 1605 - 13 ottobre 1626 deceduto)
  • Jacinto del Cerro, O.P. † (3 aprile 1634 - 13 ottobre 1635 deceduto)
  • Jerónimo Domín Funes, O. Carm. † (14 dicembre 1637 - 23 aprile 1650 deceduto)
  • Gabriel Ortiz de Orvé † (28 ottobre 1651 - 1662 deceduto)
  • Juan de Paredes, C.R.S.A. † (17 aprile 1662 - 22 agosto 1662 deceduto)
  • Baltasar Valdés y Noriega † (6 luglio 1665 - 29 dicembre 1667 deceduto)
  • Martino Ibáñez y Villanueva † (16 giugno 1670 - 27 maggio 1675 nominato arcivescovo di Reggio Calabria)
  • Antonio del Río Colmenares † (27 aprile 1676 - 14 marzo 1678 nominato arcivescovo di Acerenza e Matera)
  • Lorenzo Mayers Caramuel, O. de M. † (18 aprile 1678 - 26 febbraio 1683 deceduto)
  • José Sanz de Villaragut, O.F.M. † (6 dicembre 1683 - 2 gennaio 1693 nominato vescovo di Pozzuoli)
  • José Guerrero de Torres, O.E.S.A. † (13 aprile 1693 - 26 marzo 1720 deceduto)
  • Carlo Pignatelli, C.R. † (14 gennaio 1722 - 21 marzo 1730 deceduto)
  • Santiago Pinaque, O.Carm. † (11 dicembre 1730 - aprile 1737 deceduto)
  • Francesco Lanfreschi † (12 giugno 1737 - 21 maggio 1738 nominato arcivescovo di Acerenza e Matera)
  • Gennaro Carmignano, C.R. † (24 novembre 1738 - 11 agosto 1770 deceduto)
  • Carlo Pergami † (16 dicembre 1771 - luglio 1785 deceduto)
  • Gennaro Clemente Francone † (27 febbraio 1792 - 18 dicembre 1797 nominato vescovo di Troia)
  • Riccardo Capece Minutolo, O.S.B. † (18 dicembre 1797 - 3 settembre 1801 deceduto)
  • Michele Sanseverino † (26 giugno 1805 - 1812 deceduto)
  • Francesco Buonomo † (25 maggio 1818 - 1827 deceduto)
  • Luigi Maria Parisio † (25 giugno 1827 - 26 gennaio 1854 deceduto)
  • Filippo Cammarota † (23 giugno 1854 - 23 febbraio 1876 deceduto)
  • Nicola Contieri, O.S.B.I. † (3 aprile 1876 - 14 dicembre 1891 dimesso)
  • Francesco Niola † (14 dicembre 1891 - 14 agosto 1920 deceduto)
  • Pasquale Berardi † (21 aprile 1921 - 9 maggio 1925 dimesso)
  • Dionigio Casaroli † (14 agosto 1926 - 24 febbraio 1966 deceduto)
  • Lorenzo Gargiulo † (24 febbraio 1966 succeduto - 26 gennaio 1973 dimesso)
  • Luigi Maria Carli † (26 gennaio 1973 - 14 aprile 1986 deceduto)
  • Vincenzo Maria Farano † (14 agosto 1986 - 12 febbraio 1997 ritirato)
  • Pier Luigi Mazzoni † (12 febbraio 1997 - 20 settembre 2007 ritirato)
  • Fabio Bernardo D'Onorio, O.S.B., dal 20 settembre 2007

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 160.150 persone contava 152.350 battezzati, corrispondenti al 95,1% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 108.900 108.000 100,8 97 78 19 1.122 26 113 43
1969 129.698 130.800 99,2 116 80 36 1.118 41 322 50
1980 136.361 143.630 94,9 110 66 44 1.239 48 298 54
1990 149.000 152.000 98,0 90 56 34 1.655 1 36 219 57
1999 153.000 156.150 98,0 85 56 29 1.800 19 29 223 57
2000 155.000 158.100 98,0 87 58 29 1.781 19 32 225 57
2001 151.200 159.153 95,0 81 53 28 1.866 19 31 225 57
2002 151.200 159.153 95,0 82 54 28 1.843 18 31 225 57
2003 150.000 159.124 94,3 83 55 28 1.807 18 31 225 57
2004 159.175 159.315 99,9 82 55 27 1.941 18 30 229 57
2006 152.350 160.150 95,1 81 54 27 1.880 18 30 216 57

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nel codice Casinense 585, un messale tre-quattrocentesco appartenuto al convento francescano di Sant'Agata di Gaeta, e conservato nell'Archivio dell'Abbazia di Montecassino, dove a p. 2 (Calendario), al 22 di gennaio si legge, in inchiostro nero: Sanctorum Vincentii et Anastasii martirum, cui segue, in rosso: et dedicatio ecclesie maioris Ga(ie)te (cfr. Mariano Dell'Omo, Un messale tre-quattrocentesco del convento francescano di S. Agata di Gaeta e una Confexio valde pulcra et optima in volgare (Cod. Casin. 585), in «Ubi neque aerugo neque tinea demolitur». Studi in onore di Luigi Pellegrini per i suoi settanta anni, a cura di M.G. Del Fuoco, Napoli 2006, pp. 168-169 e nota 5).
  2. ^ Così Eubel; secondo Gams, Pietro Lunello fu eletto il 30 gennaio 1560.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi