Arcidiocesi di Derco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Derco
Sede arcivescovile titolare
Archidioecesis Dercensis
Patriarcato di Costantinopoli
Sede titolare di Derco
Mappa della diocesi civile di Tracia (V secolo)
Arcivescovo titolare sede vacante
Istituita XVIII secolo
Stato Turchia
Arcidiocesi soppressa di Derco
Eretta  ?
Soppressa  ?
Dati dall'annuario pontificio
Lista delle sedi titolari della Chiesa cattolica

L'arcidiocesi di Derco (in latino: Archidioecesis Dercensis) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Derco, identificabile con Terkos nell'odierna Turchia, è un'antica sede arcivescovile autocefala della provincia romana di Europa nella diocesi civile di Tracia e nel patriarcato di Costantinopoli.

La sede tuttavia sembra essere piuttosto tardiva. Secondo Raymond Janin[1], essa appare per la prima volta in una lista di diocesi della provincia di Europa databile agli inizi del X secolo.

Lequien, nell'opera Oriens Christianus, non conosce la sede di Dercos di Europa, bensì quella di Delcos, suffraganea di Filippopoli nella provincia romana di Tracia: tuttavia afferma come la città era conosciuta anche con i nomi di Derci o Dercus. I vescovi conosciuti di questa sede sono riportati dalle fonti come episcopi Derces seu Derci o Dercorum. Ad eccezione di Gregorio, che prese parte al secondo concilio di Nicea (787), gli altri prelati sono citati dal Lequien come arcivescovi: Macario e Neofito presero parte al concilio dell'879 che riabilitò il patriarca Fozio; Giovanni sottoscrisse un decreto del patriarca di Costantinopoli.

Oggi Derco sopravvive come sede arcivescovile titolare; la sede è vacante dal 27 novembre 1970. Nelle liste di sedi titolari della Chiesa cattolica sono presenti entrambe le dizioni: Delcensis e Dercensis (quest'ultima segnalata dalle fonti anche come Delconensis).

Cronotassi dei vescovi greci[modifica | modifica wikitesto]

  • Gregorio † (menzionato nel 787)
  • Macario † (menzionato nell'879)
  • Neofito † (menzionato nell'879)
  • Giovanni † (menzionato nel 997)

Cronotassi degli arcivescovi titolari[modifica | modifica wikitesto]

  • Nathaniel Bürger, O.F.M. † (11 gennaio 1777 - 28 agosto 1780 deceduto)
  • Michał Maurycy Mdzewski † (19 dicembre 1791 - 1814 deceduto)
  • Jan Cywiński † (17 dicembre 1840 - 17 novembre 1846 deceduto)
  • Luigi Ciurcia, O.F.M. † (4 giugno 1858 - 17 gennaio 1859 succeduto vescovo di Scutari)
  • Peter Dufal, C.S.C. † (3 luglio 1860 - 14 marzo 1898 deceduto)
  • Juan Nepomuceno Terrero y Escalada † (21 aprile 1898 - 7 dicembre 1900 nominato vescovo di La Plata)
  • Antonio Bassani † (22 gennaio 1905 - 21 novembre 1908 succeduto vescovo di Chioggia)
  • Domenico Lancellotti † (29 aprile 1909 - 21 aprile 1911 nominato vescovo di Troia)
  • Heinrich Hähling von Lanzenauer † (5 agosto 1912 - 30 agosto 1925 deceduto)
  • Maurice Francis McAuliffe † (17 dicembre 1925 - 23 aprile 1934 nominato vescovo di Hartford)
  • Enrico Montalbetti † (5 maggio 1935 - 9 giugno 1938 nominato arcivescovo di Reggio Calabria)
  • Jeremiah Kinane † (31 gennaio 1942 - 11 settembre 1946 succeduto arcivescovo di Cashel)
  • Peter Thomas McKeefry † (12 giugno 1947 - 9 maggio 1954 succeduto arcivescovo di Wellington)
  • Herman Joseph Meysing, O.M.I. † (25 giugno 1954 - 21 ottobre 1963 deceduto)
  • Armand-Etienne M. Blanquet du Chayla, O.C.D. † (17 settembre 1964 - 27 novembre 1970 deceduto)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Raymond Janin, La hiérarchie ecclésiastique dans le diocèse de Thrace, in Revue des études byzantines, tomo 17, 1959, p. 148.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi