Arcidiocesi di Cotonou

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Cotonou
Archidioecesis Cotonuensis
Chiesa latina
Cotonoucathedral.jpg
  Benin - Arcidiocesi di Cotonou.png
Diocesi suffraganee
Abomey, Dassa-Zoumé, Lokossa, Porto Novo
Arcivescovo metropolita Antoine Ganyé
Arcivescovi emeriti Nestor Assogba,
Marcel Honorat Léon Agboton
Sacerdoti 256 di cui 191 secolari e 65 regolari
2.657 battezzati per sacerdote
Religiosi 175 uomini, 463 donne
Abitanti 2.168.000
Battezzati 680.326 (31,4% del totale)
Superficie 3.233 km² in Benin
Parrocchie 63
Erezione 26 giugno 1883
Rito romano
Indirizzo 01 B.P. 491, Cotonou, Benin
Sito web www.diocese-cotonou.org
Dati dall'Annuario Pontificio 2011 * *
Chiesa cattolica in Benin

L'arcidiocesi di Cotonou (in latino: Archidioecesis Cotonuensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2010 contava 680.326 battezzati su 2.168.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Antoine Ganyé.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi comprende i dipartimenti di Atlantico e Litorale in Benin.

Sede arcivescovile è la città di Cotonou, dove si trova la cattedrale di Nostra Signora della Misericordia.

Il territorio è suddiviso in 63 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La prefettura apostolica del Dahomey fu eretta il 26 giugno 1883, ricavandone il territorio dal vicariato apostolico della Costa di Benin (oggi arcidiocesi di Lagos).

Dopo aver ceduto il territorio per l'erezione della prefettura apostolica del Togo (oggi arcidiocesi di Lomé) il 12 aprile 1892, la prefettura apostolica viene elevata a vicariato apostolico il 25 maggio 1901.

Un'altra cessione di territorio il 28 aprile 1942 contribuì alla nascita della prefettura apostolica di Niamey (oggi arcidiocesi di Niamey) e fu seguita dal cambio della denominazione in vicariato apostolico di Ouidah il 13 maggio 1948.

Il 5 aprile 1954 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione del vicariato apostolico di Porto Novo (oggi diocesi di Porto Novo).

Il 14 settembre 1955 per effetto della bolla Dum tantis di papa Pio XII il vicariato apostolico è stato elevato al rango di arcidiocesi metropolitana e ha assunto il nome attuale.

Il 5 aprile 1963 e l'11 marzo 1968 ha ceduto altre porzioni di territorio rispettivamente alle nuove diocesi di Abomey e di Lokossa.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 2.168.000 persone contava 680.326 battezzati, corrispondenti al 31,4% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 104.931 947.404 11,1 58 58 1.809 1 117 23
1970 126.435 424.333 29,8 52 30 22 2.431 22 140 17
1980 206.987 657.000 31,5 31 15 16 6.677 19 195 23
1990 310.780 1.179.121 26,4 79 40 39 3.933 51 149 30
1999 438.674 1.222.222 35,9 118 66 52 3.717 88 269 35
2000 504.503 1.411.680 35,7 110 58 52 4.586 106 280 37
2001 507.876 1.469.801 34,6 113 60 53 4.494 88 275 37
2002 531.934 1.557.147 34,2 136 83 53 3.911 139 338 39
2003 580.442 1.640.916 35,4 136 93 43 4.267 124 351 39
2004 618.717 1.826.226 33,9 145 95 50 4.267 118 376 40
2006 654.000 1.930.000 33,9 173 111 62 3.780 163 404 42
2010 680.326 2.168.000 31,4 256 191 65 2.657 175 463 63

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi