Arcidiocesi di Asunción

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Asunción
Archidioecesis Sanctissimae Assumptionis
Chiesa latina
Asuncion Cathedral.JPG
Diocesi suffraganee
Benjamín Aceval, Caacupé, Carapeguá, Ciudad del Este, Concepción, Coronel Oviedo, Encarnación, San Juan Bautista de las Misiones, San Lorenzo, San Pedro Apóstol, Villarrica del Espíritu Santo
Arcivescovo metropolita Edmundo Ponziano Valenzuela Mellid, S.D.B.
Arcivescovi emeriti Eustaquio Pastor Cuquejo Verga, C.SS.R.
Sacerdoti 231 di cui 61 secolari e 170 regolari
6.861 battezzati per sacerdote
Religiosi 408 uomini, 485 donne
Diaconi 65 permanenti
Abitanti 1.750.000
Battezzati 1.585.000 (90,6% del totale)
Superficie 2.582 km² in Paraguay
Parrocchie 76
Erezione 1º luglio 1547
Rito romano
Cattedrale Nostra Signora dell'Assunzione
Indirizzo C.C. 654, Av. Mariscal López 130, esq. Independencia Nacional, Asunción, Paraguay
Sito web www.arzobispado.org.py
Dati dall'Annuario Pontificio 2013 * *
Chiesa cattolica in Paraguay

L'arcidiocesi di Asunción (in latino: Archidioecesis Sanctissimae Assumptionis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2012 contava 1.585.000 battezzati su 1.750.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Edmundo Ponziano Valenzuela Mellid, S.D.B.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi comprende il dipartimento Central e il distretto di Asunción.

Sede arcivescovile è la città di Asunción, dove si trova la cattedrale di Nostra Signora dell'Assunzione.

Il territorio si estende su 2.582 km² ed è suddiviso in 76 parrocchie.

La provincia ecclesiastica di Asunción, istituita nel 1929, comprende come suffraganee tutte le diocesi del Paraguay.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi del Paraguay fu eretta il 1º luglio 1547, ricavandone il territorio dalla diocesi di Cuzco (oggi arcidiocesi). Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Lima.

Il 20 luglio 1609 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di La Plata o Charcas (oggi arcidiocesi di Sucre)

Il 6 aprile 1620 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Buenos Aires (oggi arcidiocesi).

Il 5 marzo 1865 divenne suffraganea dell'arcidiocesi di Buenos Aires.

Il 21 dicembre 1868 il vescovo Manuel Antonio Palacios fu fucilato con l'accusa di alto tradimento verso il presidente Francisco Solano López sulla base delle confessioni estorte sotto tortura ad alcuni cospiratori.[1]

Il 1º maggio 1929 in forza della bolla Universi Dominici di papa Pio XI ha ceduto altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione delle diocesi di Concepción e Chaco (oggi diocesi di Concepción en Paraguay) e di Villarica (oggi diocesi di Villarrica del Espíritu Santo) e nel contempo è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con il nome attuale.

Il 19 gennaio 1957, il 2 agosto 1960 e il 18 maggio 2000 ha ceduto ulteriori porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente della diocesi di San Juan Bautista de las Misiones, della prelatura territoriale di Caacupé (oggi diocesi) e della diocesi di San Lorenzo.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Juan de los Barrios, O.F.M. † (1º luglio 1547 - 2 aprile 1552 nominato vescovo di Santa Marta)
  • Pedro de la Torre, O.F.M. † (27 agosto 1554 - 1573 deceduto)
  • Alfonso Guerra, O.P. † (6 febbraio 1579 - 17 marzo 1592 nominato vescovo di Michoacán)
  • Baltazar de Cobarrubias y Múñoz, O.S.A. † (1601 - 13 gennaio 1603 nominato vescovo di Nueva Caceres)
  • Martín Ignacio de Loyola † (19 novembre 1601 - 1605 deceduto)
  • Reginaldo de Lizárraga, O.P. † (20 luglio 1609 - 10 novembre 1609 deceduto)
  • Lorenzo Pérez de Grado † (16 settembre 1615 - 18 marzo 1619 nominato vescovo di Cuzco)
  • Tomás de la Torre Gibaja,, O.P. † (30 marzo 1620 - 11 dicembre 1628 nominato vescovo di Córdoba)
  • Cristóbal de Aresti Martínez de Aguilar, O.S.B. † (12 febbraio 1629 - 3 dicembre 1635 nominato vescovo di Buenos Aires)
    • Francisco de la Serna, O.S.A. † (1635 - 25 agosto 1637 nominato vescovo di Popayán) (vescovo eletto)
    • Sede vacante (1637-1640)
  • Bernardino de Cárdenas Ponce, O.F.M. † (10 agosto 1640 - 1666 nominato vescovo di La Paz)
  • Gabriel de Guillestegui, O.F.M. † (1669 - 1671 nominato vescovo di La Paz)
    • Sede vacante (1671-1676)
  • Faustino de Casas, O. de M. † (1676 - 3 agosto 1686 deceduto)
    • Sebastián de Pastrana, O. de M. † (25 giugno 1687 - 4 novembre 1700 deceduto) (vescovo eletto)
    • Pedro Díaz Durana y Uriarte † (1702 - 1718 deceduto) (vescovo eletto)
    • Martín de Sarricolea y Olea † (1718 succeduto - 1723 ? deceduto) (vescovo eletto)
  • José de Palos, O.F.M. † (1724 - 7 aprile 1738 deceduto)
  • José Cayetano Paravicino, O.F.M. † (16 novembre 1738 - 4 settembre 1747 nominato vescovo di Trujillo)
  • Manuel Antonio de la Torre † (23 marzo 1756 - 14 giugno 1762 nominato vescovo di Buenos Aires)
  • Manuel López de Espinosa † (20 dicembre 1762 - 1772 deceduto)
  • Juan José de Priego y Caro, O.P. † (14 dicembre 1772 - 1779 deceduto)
  • Luis Velasco y Maeda, O.F.M. † (12 luglio 1779 - 15 giugno 1792 deceduto)
    • Sede vacante (1792-1802)
  • Nicolás Videla del Pino † (9 agosto 1802 - 23 marzo 1807 nominato vescovo di Salta)
  • Pedro García Panés, O.F.M. † (23 marzo 1807 - 13 ottobre 1838 deceduto)
    • Sede vacante (1838-1845)
  • Basilio Antonio López, O.F.M. † (22 luglio 1844 - 16 gennaio 1859 deceduto)
  • Gregorio Urbieta † (23 marzo 1860 - 17 gennaio 1865 deceduto)
  • Manuel Antonio Palacios † (31 gennaio 1865 succeduto - 21 dicembre 1868 deceduto)
    • Sede vacante (1868-1879)
  • Pedro Juan Aponte † (24 luglio 1879 - 14 settembre 1891 deceduto)
    • Sede vacante (1891-1894)
  • Sinforiano Bogarín † (21 settembre 1894 - 25 febbraio 1949 deceduto)
  • Juan José Aníbal Mena Porta † (25 febbraio 1949 succeduto - 16 giugno 1970 ritirato)
  • Ismael Blas Rolón Silvero, S.D.B. † (16 giugno 1970 - 20 maggio 1989 ritirato)
  • Felipe Santiago Benítez Ávalos † (20 maggio 1989 - 15 giugno 2002 ritirato)
  • Eustaquio Pastor Cuquejo Verga, C.SS.R. (15 giugno 2002 - 6 novembre 2014 ritirato)
  • Edmundo Ponziano Valenzuela Mellid, S.D.B., succeduto il 6 novembre 2014

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2012 su una popolazione di 1.750.000 persone contava 1.585.000 battezzati, corrispondenti al 90,6% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 695.000 700.000 99,3 114 44 70 6.096 70 180 44
1959 686.000 712.000 96,3 148 73 75 4.635 112 293 48
1966 501.880 550.880 91,1 205 77 128 2.448 125 310 49
1968 501.880 550.880 91,1 86 86 5.835 48
1976 672.165 746.850 90,0 185 71 114 3.633 212 409 69
1980 735.764 817.516 90,0 203 63 140 3.624 209 460 66
1990 1.164.318 1.293.687 90,0 239 74 165 4.871 332 572 79
1999 919.000 1.483.000 62,0 101 71 30 9.099 45 213 568 73
2000 1.100.000 1.348.951 81,5 120 53 67 9.166 34 398 647 60
2001 774.000 1.602.173 48,3 354 136 218 2.186 51 456 1.386 73
2002 1.365.000 2.825.000 48,3 359 141 218 3.802 51 465 1.438 83
2003 1.350.000 1.500.000 90,0 676 139 537 1.997 51 726 1.423 72
2004 1.350.000 1.500.000 90,0 661 124 537 2.042 57 679 1.423 72
2006 1.419.000 1.577.000 90,0 665 128 537 2.133 64 782 1.447 64
2012 1.585.000 1.750.000 90,6 231 61 170 6.861 65 408 485 76

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Homenajes y “homenajes”, ABC, 2 novembre 2008

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi