Arcidiocesi di Łódź

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Łódź
Archidioecesis Lodziensis
Chiesa latina
Archikatedra Łódź v2.jpg
  Archidiecezja Lodzka mapa.svg
Diocesi suffraganee
Łowicz
Arcivescovo metropolita Marek Jędraszewski
Ausiliari Ireneusz Józef Pękalski
Arcivescovi emeriti Władysław Ziółek
Sacerdoti 748 di cui 564 secolari e 184 regolari
1.951 battezzati per sacerdote
Religiosi 400 uomini, 585 donne
Abitanti 1.540.000
Battezzati 1.460.000 (94,8% del totale)
Superficie 5.200 km² in Polonia
Parrocchie 212
Erezione 10 dicembre 1920
Rito romano
Indirizzo ul. Ks. Ignacego Skorupki 1, 90-458 Łódź, Polska
Sito web www.archidiecezja.lodz.pl
Dati dall'Annuario Pontificio 2005 * *
Chiesa cattolica in Polonia

L'arcidiocesi di Łódź (in latino: Archidioecesis Lodziensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2004 contava 1.460.000 battezzati su 1.540.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Marek Jędraszewski.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi comprende la parte centrale del voivodato di Łódź.

Sede arcivescovile è la città di Łódź, dove si trova la cattedrale di Santo Stanislao Kostka.

Il territorio è suddiviso in 35 decanati e in 212 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La diocesi di Łódź fu eretta da papa Benedetto XV con la bolla Christi Domini del 10 dicembre 1920, ricavandone il territorio dall'arcidiocesi di Varsavia, di cui originariamente era suffraganea.

Il 28 ottobre 1925 in seguito alla bolla Vixdum Poloniae unitas di papa Pio XI la diocesi subisce alcune variazioni territoriali.

Nel 1939 il vescovo Kazimierz Tomczak è arrestato dai nazisti, nel 1941 insieme con il vescovo Jasiński sarà internato in un monastero. Jasiński fece ritorno nella diocesi nel 1944 e solo nell'estate 1945 poté riprenderne il governo.

Il 25 marzo 1992, nell'ambito della riorganizzazione delle diocesi polacche voluta da papa Giovanni Paolo II con la bolla Totus tuus Poloniae populus, ha ceduto una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Łowicz e contestualmente è stata elevata al rango di arcidiocesi immediatamente soggetta alla Santa Sede.

Il 24 febbraio 2004 è stata ulteriormente elevata a sede metropolitana con la bolla Spiritale incrementum di papa Giovanni Paolo II.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

  • Wincenty Tymieniecki † (11 aprile 1921 - 10 agosto 1934 deceduto)
  • Włodzimierz Bronisław Jasiński † (30 novembre 1934 - 12 dicembre 1946 ritirato)
  • Michał Klepacz † (20 dicembre 1946 - 29 gennaio 1967 deceduto)
  • Józef Rozwadowski † (29 ottobre 1968 - 24 gennaio 1986 ritirato)
  • Władysław Ziółek (24 gennaio 1986 - 11 luglio 2012 ritirato)
  • Marek Jędraszewski, dall'11 luglio 2012

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 1.540.000 persone contava 1.460.000 battezzati, corrispondenti al 94,8% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 1.000.000 1.100.000 90,9 314 238 76 3.184 140 553 138
1970 1.150.000 1.350.000 85,2 485 374 111 2.371 163 820 147
1980 1.361.000 1.489.000 91,4 529 400 129 2.572 176 820 157
1990 1.592.100 1.700.000 93,7 611 469 142 2.605 338 842 204
1999 1.470.000 1.550.000 94,8 675 520 155 2.177 378 672 209
2000 1.465.000 1.545.000 94,8 682 527 155 2.148 344 678 209
2001 1.460.000 1.540.000 94,8 676 546 130 2.159 346 677 211
2002 1.460.000 1.540.000 94,8 692 559 133 2.109 336 570 212
2003 1.460.000 1.540.000 94,8 690 558 132 2.115 338 559 212
2004 1.460.000 1.540.000 94,8 748 564 184 1.951 400 585 212

Fonti[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi