Archimede Valeriani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Archimede Valeriani
Archimede Valeriani.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Portiere
Ritirato 1938
Carriera
Giovanili
SPAL SPAL
Squadre di club1
1926-1927 SPAL SPAL 18 (-26)
1927-1928 Reggiana Reggiana 19 (-73)
1928-1929 Napoli Napoli 23 (-32)
1929-1934 Palermo Palermo 90+ (-?)
1934-1935 SPAL SPAL 16 (-28)
1935-1936 Audace Cerignola Audace Cerignola  ? (-?)
1936-1938 Alfa Romeo Alfa Romeo  ? (-?)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Archimede Valeriani (Reggio nell'Emilia, 24 agosto 1907Abbiategrasso, 3 dicembre 1941) è stato un calciatore italiano, di ruolo portiere.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Inizi[modifica | modifica sorgente]

Cresce calcisticamente nella SPAL dove disputa diciannovenne il campionato 1926-1927 in cui i biancoazzurri tornano in Prima Divisione, praticamente la Serie A non a girone unico, giocando assieme a giocatori come Abdon Sgarbi, Mario Romani, Aldo Barbieri, Bruno Bertacchini e Renato Bottaccini.

Al termine di quel campionato spicca il salto in Prima Divisione con un'altra squadra, quella della sua città: la Reggiana.

Napoli[modifica | modifica sorgente]

Passa poi al Napoli nel 1928, diventando il terzo portiere schierato dai campani nella loro storia, dopo Vittorio Pelvi e Favi, l'ultimo a giocare nell'allora massima divisione del campionato all'epoca precedente il girone unico[1]; debutta con la nuova squadra nella vittoria casalinga del 30 settembre 1928 contro il Verona per 3-0[2], giocando 24 partite nella stagione 1928-1929, 23 della stagione regolare più lo spareggio del 23 giugno 1929 a Milano contro la Lazio, terminato 2-2 a cui non seguì una ripetizione per un successivo allargamento del campionato di Serie A che si sarebbe inaugurato nella stagione successiva. Nel suo unico campionato con il Napoli si distinse per essere stato in campo nelle prime vittorie in assoluto dei partenopei contro la Juventus (1-0 ad una squadra che schierava Combi e Caligaris) e l'Ambrosiana (4-1, i lombardi schieravano Giuseppe Meazza), entrambe in casa, rispettivamente il 19 maggio 1929 ed il 9 giugno 1929[1].

Palermo[modifica | modifica sorgente]

Successivamente scende di categoria, al Palermo, nel 1929. Quello è il primo dei suoi cinque campionati con i siciliani di cui uno di Prima Divisione, divenuta nel frattempo terzo livello, due nella neonata Serie B e due nella nuova Serie A a girone unico.

Il ritorno a Ferrara e gli ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Torna quindi a Ferrara per disputare il campionato di Serie B nel 1934 ma nel marzo del 1935 si infortuna e, dopo 19 partite, deve dare l'addio alla serie cadetta. Riprova l'anno successivo in Serie C con il Cerignola, e dopo due stagioni all'Alfa Romeo Milano abbandona il calcio nel 1938[3].

In carriera ha totalizzato 64 presenze nella Serie A a girone unico, tutte con la maglia del Palermo, cui vanno aggiunte 24 gare giocate nel massimo livello del campionato con la maglia del Napoli.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Palermo: 1931-1932

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Mimmo Carratelli, La grande Storia del Napoli, Gianni Marchesini Editore, pagina 39, ISBN 978-88-88225-19-7
  2. ^ Mimmo Carratelli, La grande Storia del Napoli, Gianni Marchesini Editore, pagina 38, ISBN 978-88-88225-19-7
  3. ^ Elenco dei giocatori italiani autorizzati a cambiare società nell'anno 1938-1939, Il Littoriale, 6 agosto 1938, pag.4

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]