Archanes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Archanes
frazione
Αρχανών
Archanes – Veduta
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Creta
Unità periferica Candia
Comune Archanes-Asterousia
Territorio
Coordinate 35°13′N 25°09′E / 35.216667°N 25.15°E35.216667; 25.15 (Archanes)Coordinate: 35°13′N 25°09′E / 35.216667°N 25.15°E35.216667; 25.15 (Archanes)
Superficie 31,5 km²
Abitanti 4 548 (2001)
Densità 144,38 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 70100
Prefisso 2810
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Archanes
Archanes – Mappa

Archanes (in greco Αρχάνες) è un ex comune della Grecia nella periferia di Creta (unità periferica di Candia) con 4.548 abitanti secondo i dati del censimento 2001.[1]

È stato soppresso a seguito della riforma amministrativa, detta piano Kallikratis, in vigore dal gennaio 2011[2] ed è ora compreso nel comune di Archanes-Asterousia.

Il comune è importante per rilevanti scoperte archeologiche avvenute nel suo territorio. I reperti sono visitabili presso il museo archeologico di Iraklio.

Introduzione[modifica | modifica sorgente]

Il territorio del comune non è omogeneo costituendo una semplice unità amministrativa che prescinde dai suoi confini geografici. Il territorio è montuoso, collinare con qualche valle. Vi si riscontra la gola di Knosanò. La sede del municipio è ad Ano Archanes, villaggio con 3910 abitanti posto 16 km a sud di Heraklion. Ano Archanes si trova sul luogo di un palazzo minoico esaminato dall'archeologo Arthur Evans.

Siti archeologici[modifica | modifica sorgente]

Fourni[modifica | modifica sorgente]

Fourni è il nome di una collina vicino Ano Archanes dove nel 1965 furono intrapresi scavi che hanno portato alla luce una necropoli usata dal 2.500 a.C. al 1250 a.C. Della necropoli facevano parte un'infinita varietà di tombe, anche a cupola nel cui interno furono trovati vasi in pietra e bronzo, tavolette in avorio con decorazioni in rilievo, idoli e vasi nello stile di Kamares oggi esposti al museo archeologico di Iraklio.

Il monte Ghiouchta[modifica | modifica sorgente]

Il monte Ghiouchta è stato dichiarato area archeologica protetta per via dei molti insediamenti minoici scoperti. Tra questi i più importanti sono Il santuario di Anemospilia e Il palazzo minoico di Vathypetro

Anemospilia[modifica | modifica sorgente]

La località di Anemospilia sul versante nord del monte Ghiouchta che domina il villaggio di Acharnes fu oggetto di scavi iniziati nel 1979 sotto la guida dell'archeologo Sakellarakis. Fu portato alla luce un santuario minoico nel cui interno furono trovati scheletri che fecero supporre che nel mondo minoico vigesse la consuetudine di sacrifici umani.

Palazzo minoico di Vathypetro[modifica | modifica sorgente]

Il palazzo minoico di Vathypetro si trova sul versante nord est del monte Ghiouchta in località Piso Livadia. Fu portato alla luce nel 1949. La sua struttura ricalcava da vicino quella dei più noti centri minoici. Il palazzo, molto vasto è databile tra il 1600 a.C. e il 1550 a.C. Un certo interesse risultò avere la cripta sotterranea (sala ipostyla) dove furono trovati macchinari per la tessitura e una zona dove veniva calpestata l'uva per produrre vino.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Censimento 2001. URL consultato il 2 maggio 2011.
  2. ^ piano Kallikratis. URL consultato il 2 maggio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia