Aralia elata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Aralia elata
Aralia elata en fleur4081.jpg
Aralia elata.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Apiales
Famiglia Araliaceae
Sottofamiglia Aralioideae
Genere Aralia
Specie A. elata
Nomenclatura binomiale
Aralia elata
(Miq.) Seem., 1868

Aralia elata (Miq.) Seem., 1868 (in inglese Japanese Angelica-tree) è una pianta legnosa appartenente alla famiglia Araliacee.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

L'Aralia elata è un piccolo albero o cespuglio deciduo a portamento verticale, che cresce fino a 6 m in altezza. La corteccia è ruvida e grigia ed è munita di spine. Le foglie sono alternate, larghe, lunghe circa 60-120 cm e pennata doppia. I fiori sono prodotti in grandi umbellae nella tarda estate; ogni fiore è piccolo e bianco. Il frutto è una piccola drupa nera.

Aralia elata è strettamente correlata alla specie americana Aralia spinosa, con la quale è facilmente confusa.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'Aralia elata è nativa nella Russia orientale, in Cina, Corea e Giappone. In Giappone è nota come tara-no-ki (Katakana: タラノキ / Kanji: 楤木) e in Corea come dureup namu (두릅나무).

Predilige terreni argillosi profondi parzialmente obreggiati, ma cresce anche in terreni più poveri e in pieno sole. A volte la pianta è coltivata, spesso in forma variegata, per il suo aspetto esotico.

Gastronomia[modifica | modifica sorgente]

Dureup bugak (두릅부각), germogli fritti di Aralia elata e chal jeonbyeong (찰전병).

In Giappone, i germogli si mangiano in primavera. Sono raccolti dalle estremità dei rami e fritti in pastella di tempura.

Nella cucina coreana, i suoi germogli, chiamati dureup, sono usati nella preparazione di vari piatti, come il dureup jeon (두릅전), che è una varietà di jeon, pietanza simile a una frittella, preparata friggendo i germogli ricoperti con pezzi di carne di bue e pastella[1].

Il dureup namul (두릅나물), chiamato anche dureup muchim (두릅무침) è un piatto preparato lessando il dureup stagionato con gochujang (pasta al peperoncino)[2].

Inoltre, è comune mangiare l'Aralia elata come dureup bugak (두릅부각), germogli della pianta fritti ricoperti da pasta di riso con glutine, solitamente serviti con chal jeonbyeong (찰전병), un tipo di frittella preparata friggendo la farina di riso con glutine.

Specie invasiva[modifica | modifica sorgente]

L'albero è stato introdotto nel 1830 negli Stati Uniti d'America. Gli uccelli apprezzano i suoi frutti e stanno disperdendo i suoi semi, facendo sì che la pianta si stia espandendo come specie invasiva negli Stati Uniti nordorientali.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (KO) 두릅전, Enciclopedia Doosan.
  2. ^ (KO) 두릅나물, Enciclopedia Doosan.