Aquilegia vulgaris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Aquilegia vulgaris
Aquilegia vulgaris1.jpg
Aquilegia vulgaris
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Ranunculales
Famiglia Ranunculaceae
Sottofamiglia Thalictroideae
Tribù Isopyreae
Genere Aquilegia
Specie Aquilegia vulgaris
Nomenclatura binomiale
Aquilegia vulgaris
L.
Sinonimi

Aquilegia vulgaris L.

Aquilegia vulgaris

La aquilegia comune (Aquilegia vulgaris) è una pianta della famiglia delle Ranunculaceae.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È una pianta erbacea perenne che raggiunge 1,2 m di altezza, con steli pelosi e sottili. Le foglie sono pennate, con le foglioline basali trifogliate.

Folklore[modifica | modifica sorgente]

Nell'erboristeria tradizionale, l'Aquilegia era considerata sacra a Venere, poiché si credva che un mazzetto avrebbe suscitato l'affetto di una persona cara. Nicholas Culpeper la raccomandava per alleviare i dolori del parto. Nella moderna erboristeria è utilizzata come astringente e diuretico.[2]

Varie parti della pianta sono state usate in passato contro la diarrea, per aumentare la sudorazione, per aiutare durante il parto e per alleviare i reumatismi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Aquilegia vulgaris in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) Howard, Michael. Traditional Herbal Remedies (Century, 1987), p.124

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • T.G. Tutin, V.H. Heywood et alii, Flora Europea, Cambridge University Press, 1976. ISBN 0-521-08489-X.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]