Applausometro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(EN)
« Remember: the clapometer is just for fun[1] »
(IT)
« Ricorda(te): l'applausometro è solo per divertimento »
(frase usata nella trasmissione Opportunity Knocks)

L'applausometro è uno strumento che viene utilizzato nelle trasmissioni televisive o radiofoniche per misurare l'intensità degli applausi da parte degli spettatori in sala, specie quando questi ultimi vengono chiamati in causa per giudicare l'esibizione di due o più concorrenti impegnati in una competizione canora o simile e per determinare quindi il risultato della stessa.[2]
L'applausometro fu introdotto in Gran Bretagna nel 1956, nella trasmissione Opportunity Knocks, condotta all'epoca da Hughie Green.[1][3][4]

Il termine italiano "applausometro" fu coniato dal conduttore televisivo Enzo Tortora nel 1956 durante la trasmissione televisiva Primo applauso, che per prima sperimentò lo strumento in Italia.[2][5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Trasmissioni che hanno utilizzato l'applausometro[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b UK Games Shows: Opportunity Knokcks
  2. ^ a b Grasso Aldo - Scaglioni, Massimo, Le Garzantine - Enciclopedia della Televisione, Garzanti, Milano, 2002, p. 35
  3. ^ National mEDIA Museum: Hughie Greene's Clap-o-meter (Audience Reaction Indicator)
  4. ^ British TV in the 1950's
  5. ^ Grasso, Aldo - Scaglioni, Massimo, op. cit., p. 552
  6. ^ Tv, "applausometro" per Facchinetti e Belén a "Ciak... si canta!" in: Il Velino.it, 4 aprile 2011 (URL consultato il 09-04-2011)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]