Apostolo (mormonismo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nel movimento mormone, un apostolo è un "testimone speciale del nome di Gesù Cristo che è mandato ad insegnare i principi della salvezza agli altri".[1] In molte Chiese mormoni, un apostolo è un ufficio sacerdotale di alta autorità nella gerarchia della Chiesa. In molte Chiese, gli apostoli possono essere membri del Quorum dei Dodici o Quorum dei Dodici Apostoli della Chiesa. In molte Chiese mormoni, gli apostoli dei giorni moderni hanno lo stesso stato e autorità dei apostoli biblici.

Nella tradizione mormone, gli apostoli e i profeti sono ritenuti essere il fondamento della Chiesa con Gesù Cristo stesso la pietra d'angolo principale.[2]. Anche gli Articoli di Fede, scritti da Joseph Smith, menzionano gli apostoli: "Noi crediamo nella stessa organizzazione che esisteva nella chiesa primitiva, cioè: apostoli, profeti, pastori, insegnanti, evangelisti e così via."

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bruce R. McConkie, Mormon Doctrine, Deseret Book, 1979, p. 46, ISBN 0-88494-062-4.
  2. ^ Lettera agli Efesini 2:20
Cristianesimo Portale Cristianesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cristianesimo