Apollonio Discolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Apollonio Discolo (floruit II secolo; Alessandria d'Egitto, ... – Alessandria d'Egitto, ...) è stato un grammatico greco antico.

Figlio di Mnesiteo e Ariadne, nacque e morì ad Alessandria d'Egitto e fiorì sotto i regni degli imperatori Adriano e Antonino Pio. Fu uno dei più autorevoli grammatici del suo tempo, sia in base alla testimonianza di suo figlio Elio Erodiano. Visse in estrema povertà, e tale stato di indigenza sembra avergli procurato quella crisi mentale che gli fece guadagnare il soprannome di Discolo. Prisciano definisce sia Apollonio sia il figlio Erodiano i più grandi fra i grammatici, e dichiara che, senza l'ausilio dei loro scritti, non avrebbe mai potuto completare la sua opera (Prisciano, Praefatio).

Una lunga lista delle sue opere è fornita da Suda, ma di tutti gli scritti lì citati ne restano soltanto quattro:

  • Περὶ συντάξεως τοῦ λόγου μερῶν (La costruzione del discorso), in quattro libri;
  • Περὶ ἀντωνομίας (I pronomi);
  • Περὶ συνδέσμων (Le congiunzioni);
  • Περὶ ἐπιρρημάτων (Gli avverbi).

Fra le opere che Suda ascrive ad Apollonio vi è un Περὶ κατεψευσμένης ἱστορίας (La falsa storia), il cui testo, però, è probabilmente opera di un omonimo Apollonio.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia completa su Apollonio Discolo Controllo di autorità VIAF: 72187489 LCCN: n82054983 SBN: IT\ICCU\SBLV\301136