Apollonia Pontica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Apollonia Pontica
Civiltà Grecia antica
Localizzazione
Stato Bulgaria Bulgaria
Scavi
Date scavi 1946
Organizzazione Istituto Archeologico di Sofia
Archeologo I. Venedikov

Coordinate: 42°25′29″N 27°41′45″E / 42.424722°N 27.695833°E42.424722; 27.695833

Apollonia Pontica è una città fondata dai Milesi verso 610 a.C.. Le sue rovine si trovano sotto la città attuale di Sozopol in Bulgaria. Secondo Strabone[1] il primo insediamento fu stabilito su un'isola (oggi nota come San Quirico[2]), dove si trovava un tempio dedicato ad Apollo da cui Marco Terenzio Varrone Lucullo prelevò la statua che avrebbe posto in Campidoglio.

I primi scavi della necropoli di Apollonia risalgono al 1885 ad opera del console greco M. Gomfas di stanza a Burgas, seguiti poi dagli scavi del console francese Degrand di stanza a Plovdiv[2]. Le prime spedizioni archeologiche regolari risalgono al periodo 1946-1949 ad opera di un team dell'Istituto Archeologico di Sofia guidato da I. Venedikov, trovando 801 sepolcri risalenti dal V al II secolo a.C.[2].

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Strabone, Geografia, pp. 7,6,1.
  2. ^ a b c Kristina Panayotova, op. cit., pag.97