Apocalisse greca di Baruc

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Apocalisse greca di Baruc o 3 Baruc è un apocrifo dell'Antico Testamento, pseudoepigrafo di Baruc, 'segretario' di Geremia durante l'esilio babilonese (VI secolo a.C.).

Scritto in greco tra fine I secolo d.C. - inizio II secolo d.C. Di origine giudaica. Appartiene al genere apocalittico.

Baruc si lamenta per la caduta di Gerusalemme (587 a.C.). Un angelo lo accompagna in un viaggio in cielo dove incontra demoni e angeli, tra cui Michele, e ritrova il tempio celeste.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Voce su earlyjewishwritings.com
apocrifi Portale Apocrifi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di apocrifi