Apocalisse di Paolo (greca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di San Paolo Apostolo ad opera dello Spagnoletto

L'Apocalisse di Paolo è un apocrifo del Nuovo Testamento scritto originariamente in greco verso la metà del III secolo e pervenutaci in numerose versioni. L'attribuzione pseudoepigrafa è all'apostolo Paolo. In alcuni manoscritti è titolata Visione di Paolo o Ascensione di Paolo. Non va confusa con un'altra Apocalisse di Paolo, anch'essa apocrifa, prodotta in ambiente gnostico e pervenutaci in copto.

Rappresenta sostanzialmente un ampliamento e riadattamento dell'Apocalisse di Pietro, descrivendo un viaggio di Paolo in paradiso e all'inferno guidato dal Signore (Gesù).

Un manoscritto in etiope presenta il testo dell'Apocalisse di Paolo con protagonista la vergine Maria (vedi Apocalisse etiope della Vergine).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]