Apisaone Ippaside

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

'Apisaone Ippaside, (greco, Ἀπισάων Ἰππασίδης), figura mitologica dellIliade (XVII, v. 348), fu un guerriero peone alleato dei troiani[1].

Abilissimo in battaglia, tra tutti i guerrieri provenienti dalla Peonia era secondo soltanto ad Asteropeo, di cui era grande amico. L'eroe greco Licomede, mentre combatteva contro Enea, gli si ritrovò di fronte e lo colpì al fegato, uccidendolo. Asteropeo vide il compagno caduto e cercò invano di vendicarlo.

L'azione bellica è descritta nel libro XI dell'Iliade, relativo alle Gesta di Menelao.

(GRC)

« καὶ βάλεν Ἰππασίδην Ἀπισάονα, ποιμένα λαῶν, »

(IT)

« e colpì l'Ippaside Apisaone, pastore di genti, »

([2])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Omero, Iliade, XVII, v. 348, trad., G. Cerri. Milano, BUR, 1966.
  2. ^ Omero, Iliade, Ibidem.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Cantarella. La letteratura greca classica. Milano, BUR, 2002. ISBN 8817112518.
  • Omero, trad. G. Cerri, Iliade. Milano, BUR, 1966.
  • AA VV, Letteratura greca della Cambridge University. Milano, Mondadori, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]