Apis mellifera scutellata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Apis mellifera scutellata
Apis mellifera scutellata.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Aculeata
Superfamiglia Apoidea
Famiglia Apidae
Sottofamiglia Apinae
Tribù Apini
Genere Apis
Specie A. mellifera
Sottospecie A. mellifera scutellata
Nomenclatura trinomiale
Apis mellifera scutellata
Lepeletier, 1836

L'Apis mellifera scutellata Lepeletier, 1836, è una sottospecie dell'ape che incrociata con l'ape europea diede origine all'Ape africanizzata. La sua area di distribuzione naturale è l'Africa centro orientale.

Questa razza fu introdotta in Brasile nel 1956 e per un errore venne lasciata incrociare con l'ape creola ovvero con le discendenti delle api portate dai colonizzatori. Il comportamento molto aggressivo di questo ibrido, ereditato dalla razza africana, comporta notevoli problemi per la sicurezza di uomini e animali.

Distribuzione dell'Apis mellifera in Etiopía

Caratteristiche della razza[modifica | modifica sorgente]

In Africa, Apis mellifera scutellata occupa la foresta tropicale e la savana umida ad un'altitudine va dai 500 ai 2400 m s.l.m. Le popolazioni di Apis mellifera sudanensis riconosciute da Radloff e Hepburn (1997) furono classificate come Apis mellifera scutellata. Le sue celle, come quelle della maggior parte delle api africane, sono di dimensioni inferiori a quelle delle sottospecie europee, inoltre hanno uno sviluppo più precoce che per le operaie passa da 21 a 19 giorni, fatti che probabilmente spiegano un miglior adattamento agli attacchi di Varroa destructor. Hanno una risposta molto pronta al feromone dell'allarme, che le porta ad attaccare in massa anche a distanza dall'alveare.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

(EN) * Morfometria dell'ape (Apis mellifera) nelle regionio Etiopiche. B. Amssalu, A. Nuru, Sarah E. Radloff, H. Randall Hepburn. Apidologie 35 (2004) 71–81.