Apa Sherpa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Apa Sherpa

Lhakpa Tenzing Sherpa meglio conosciuto come Apa Sherpa (Thame, 1960) è un alpinista nepalese di etnia sherpa. Portatore d'alta quota, è l'uomo che ha raggiunto più volte la cima dell'Everest, per ben ventuno volte, tra il 1990 e il 2011.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'Everest, salito da Apa Sherpa per ventuno volte

Ha cominciato a lavorare come portatore a dodici anni per sostenere la famiglia dopo la morte del padre. Nel 1988 ha partecipato alla sua prima spedizione sull'Everest, e nel 1990 nel corso di una spedizione internazionale ne ha raggiunto per prima volta la cima.[2]

Sposato e con tre figli, oltre alla sua attività di alpinista Apa tiene delle conferenze in giro per il mondo in cui racconta le sue esperienze ed ascensioni.

Ascensioni dell'Everest[modifica | modifica wikitesto]

# Data Nome della spedizione
1 10 maggio 1990 International
2 8 maggio 1991 Sherpa Support/American Lhotse
3 12 maggio 1992 New Zealand
4 7 ottobre 1992 Everest International
5 10 maggio 1993 American
6 10 ottobre 1994 Everest International
7 15 maggio 1995 American On Sagarmatha
8 26 aprile 1997 Indonesian
9 20 maggio 1998 EEE
10 26 maggio 1999 Asian-Trekking
11 24 maggio 2000 Everest Environmental Expedition
12 16 maggio 2002 Swiss Everest 50th Anniversary Expedition 1952–2002
13 26 maggio 2003 American Commemorative Expedition
14 17 maggio 2004 Dream Everest Expedition 2004
15 31 maggio 2005 Climbing for a cure
16 19 maggio 2006 Team No Limit
17 16 maggio 2007 Super Sherpas[3]
18 22 maggio 2008 The Eco Everest Expedition
19 21 maggio 2009 The Eco Everest Expedition
20 22 maggio 2010 The Eco Everest Expedition
21 11 maggio 2011 The Eco Everest Expedition

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Apa: 21 volte sul tetto del mondo in corriere.it, 11 maggio 2011. URL consultato il 21 dicembre 2011.
  2. ^ (EN) Bio, apasherpa.com. URL consultato il 21 dicembre 2011.
  3. ^ Super Sherpas Expedition all'Everest, planetmountain.com, 19 aprile 2007. URL consultato il 21 dicembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]