Antrachinone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antrachinone
formula di struttura
modello molecolare
Nome IUPAC
9,10-diidro-9,10-antracendione
Nomi alternativi
9,10-antrachinone
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C14H8O2
Massa molecolare (u) 208,22
Aspetto solido cristallino giallo
Numero CAS [84-65-1]
PubChem 6780
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua insolubile a 293 K
Temperatura di fusione 652 (379 °C)
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) −188,5
Indicazioni di sicurezza
Flash point 185 °C (458 K)
Temperatura di autoignizione 650 °C (923 K)
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

L'antrachinone è un chinone derivato dall'antracene. È un composto aromatico, la sua molecola è planare.

A temperatura ambiente si presenta come una polvere di colore giallo. Poco solubile in acqua e etanolo, si scioglie nel nitrobenzene e nell'anilina.

Si ottiene per sintesi tramite

questi ultimi due metodi si prestano alla sintesi di antrachinoni sostituiti, utilizzando anidridi ftaliche o dieni opportunamente sostituiti.

Industrialmente, l'antrachinone trova impiego nella sintesi di sostanze coloranti, quali l'alizarina e per la produzione di farmaci lassativi (antrachinoni). Molti pigmenti di origine naturale sono derivati dall'antrachinone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda dell'antrachinone su IFA-GESTIS
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia