Antonio della Scala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Signori di Verona
della Scala
Stemma della Scala.svg

Jacopino
Figli
Mastino I
Figli
  • Niccolò
  • Guido, figlio naturale
  • Bartolomeo, figlio naturale
  • Pietro, figlio naturale
Alberto I
Figli
Bartolomeo I
Figli
  • Francesco
  • Cecchino, figlio naturale
  • Bailardino, figlio naturale
Alboino
Figli
Cangrande I
Figli
  • Gilberto, figlio naturale
  • Bartolomeo, figlio naturale
  • Francesco, figlio naturale
  • Margherita, figlia naturale
  • Franceschina, figlia naturale
  • Lucia Cagnola, figlia naturale
  • Giustina, figlia naturale
  • Alboino, figlio naturale
Alberto II
Figli
  • Alboina, figlia naturale
  • Margherita, figlia naturale
  • Gilenetto, figlio naturale
  • Rinaldo, figlio naturale
Mastino II
Figli
Cangrande II
Figli
  • Brunoro II, figlio naturale
  • Antonio II, figlio naturale
  • Nicodemo, figlio naturale
  • Guglielmo, figlio naturale
  • Paolo, figlio naturale
  • Fregnano, figlio naturale
  • Bartolomeo, figlio naturale
  • Oria, figlia naturale
  • Caterina, figlia naturale
Cansignorio
Figli
Paolo Alboino
Figli
  • Silvestra, figlia naturale
  • Pentesilea, figlia naturale
  • Orsolina, figlia naturale
Bartolomeo II
Antonio
Figli
  • Polissena
  • Canfrancesco
  • Taddea
  • Cleofe
Guglielmo
Figli
  • Nicodemo
  • Antonio II
  • Niccolò
  • Oria
  • Beatrice
  • Caterina
  • Paolo
  • Chiara
  • Fregnano
  • Bartolomeo
  • Brunoro

Antonio della Scala (Verona, 1362Ravenna, 3 settembre 1388) fu signore di Verona dal 1375 fino al 1387, inizialmente insieme al fratello Bartolomeo II.

Antonio era il figlio illegittimo di Cansignorio della Scala. Fino alla sua morte, fu signore di Verona insieme al fratello Bartolomeo II. Nel 1378 sposò Samaritana da Polenta, figlia di Guido III, signore di Ravenna.

Antonio regnò da solo dal 1381 al 1387, quando fu deposto, anche per volontà dei cittadini che per colpa sua si erano impoveriti, da Gian Galeazzo Visconti, duca di Milano.

Antonio visse in esilio a Ravenna fino alla sua morte.

A lui si deve il restauro, nel 1383, del Castello Scaligero di Torri del Benaco, sul Lago di Garda.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Antonio e Samaritana ebbero quattro figli:[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Scaligeri di Verona, Torino, 1835.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Carrara, Gli Scaligeri, Varese, Dell'Oglio, 1966.
  • G. M. Varanini, Gli Scaligeri 1277-1387, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1988.
  • A. Castagnetti e G. M. Varanini, Il veneto nel medioevo: Dai Comuni cittadini al predominio scaligero nella Marca, Verona, Banca Popolare di Verona, 1991.
  • A. Castagnetti e G. M. Varanini, Il Veneto nel medioevo: Le signorie trecentesche, Verona, Banca Popolare di Verona, 1995.
  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Scaligeri di Verona, Torino, 1835.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Signori di Verona Successore Coat of arms of the House of Sforza.svg
Bartolomeo II della Scala 13811387 (Ducato di Milano)

Controllo di autorità VIAF: 77474263

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie