Antonio d'Orléans (1866-1930)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Maria Luis Felipe Juan Florencio de Orléans y Borbon

Antonio Maria Luis Felipe Juan Florencio de Orléans y Borbon, Duca di Galliera (Siviglia, 23 febbraio 1866Parigi, 24 dicembre 1930), fu un infante di Spagna e quarto Duca di Galliera. Egli era un membro della famiglia reale spagnola e nipote di Luigi Filippo d'Orléans, re dei francesi.

Infanzia e gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Antonio fu l'unico figlio maschio sopravvissuto fino all'età adulta del principe Antonio d'Orléans, duca di Montpensier, e della moglie, l'infanta Luisa Ferdinanda di Borbone-Spagna. Attraverso il padre egli era nipote di re Luigi Filippo di Francia e della moglie Maria Amelia di Borbone-Napoli; per parte materna egli era nipote di Ferdinando VII di Spagna e della moglie Maria Cristina di Borbone-Due Sicilie.

Antonio nacque a Siviglia, poco prima della fine del regno della zia Isabella II di Spagna; a causa della gloriosa rivoluzione del 1868 che cacciò la sua famiglia dalla Spagna, egli trascorse la maggior parte della sua infanzia all'estero. Il padre, ambizioso e liberale, cercò di creare dei rapporti con i rivoluzionari che lo avevano costretto a fuggire dalla patria d'adozione; la ribellione era stata organizzata con il suo denaro ed egli sperava quindi di essere eletto re in cambio. I tentativi di trattative fallirono ed il bando della Casa d'Orléans venne confermato dal governo spagnolo ad interim.

Nel dicembre 1874 il colpo di Stato del generale Arsenio Martínez Campos permise la restaurazione della monarchia ed il giovane Alfonso XII venne incoronato a seguito della rinuncia al trono della madre; pochi mesi dopo gli Orléans vennero perdonati per il loro ruolo nella rivolta e Antonio tornò con la famiglia a Siviglia, a Palacio San Telmo. Nel 1878 Alfonso XII sposò la sorella maggiore di Antonio, Mercedes, e la riconciliazione tra le due dinastie fu quindi completa.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 marzo 1886, a Madrid, Antonio sposò sua cugina, l'infanta Eulalia di Borbone-Spagna, figlia della regina Isabella II e del marito, il duca Francesco di Cadice.[1]

La moglie gli diede tre figli:

Il matrimonio diede ad Antonio la possibilità di svolgere qualche ruolo ufficiale alla corte di Madrid; nel 1892 egli partecipò al viaggio della moglie a Cuba e negli Stati Uniti per le celebrazioni del 400º anniversario della scoperta dell'America da parte di Cristoforo Colombo. Antonio, però, era incostante e stravagante, mentre sua moglie era una donna forte e acculturata che si rifiutava di sopportare le umiliazioni causate dal marito. Essi si separarono quindi poco dopo il loro ritorno in Spagna; il 31 maggio 1901 essi firmarono i documenti necessari per la separazione legale davanti al console generale spagnolo a Parigi.[2]

Duca di Galliera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1895 re Umberto I d'Italia riconobbe l'infante Antonio come erede del titolo di Duca di Galliera; l'erede legittimo del titolo, Filippo De Ferrari de La Renotière (18501917), rifiutò di utilizzarlo e Antonio fece valere la sua parentela con la famiglia dell'ultima duchessa, Maria Brignole Sale (1812-1888), per ottenere il titolo.

Nel 1900 Antonio d'Orléans incontrò Marie-Louise Le Manac'h (18691949), vedova di Simon Guggenheim, all'Hotel Savoy a Londra; immediatamente sedotto dalla giovane bretone, Antonio intrecciò con lei una relazione amorosa, che visse pubblicamente a Londra, Parigi e Siviglia. Egli non riuscì però a rimanere fedele nemmeno all'amante e nel 1906 si stancò della donna che aveva gradualmente inserito nell'alta società; l'Infante non fu però in grado di uscire completamente indenne dalla relazione, visto che Marie-Louise, furiosa per la rottura, gli ruppe alcuni denti colpendolo con un ombrello.

Durante tutti questi anni, Antonio ebbe uno stile di vita costoso e dilapidò la fortuna di famiglia, mentre l'ex moglie viveva in relativa povertà; nel 1919, a causa delle eccessive spese, fu costretto a vendere le sue terre nel ducato italiano.

Antonio morì anch'esso in relativa povertà a Parigi, nel 1930; i suoi resti vennero trasferiti nel Pantheon dei Principi all'Escorial.

Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Antonio d'Orléans Padre:
Antonio d'Orléans
Nonno paterno:
Luigi Filippo di Francia
Bisnonno paterno:
Luigi Filippo II di Borbone-Orléans
Trisnonno paterno:
Luigi Filippo I di Borbone-Orléans
Trisnonna paterna:
Luisa Enrichetta di Borbone-Conti
Bisnonna paterna:
Luisa Maria Adelaide di Borbone-Penthièvre
Trisnonno paterno:
Luigi Giovanni Maria di Borbone-Penthièvre
Trisnonna paterna:
Maria Teresa d'Este
Nonna paterna:
Maria Amelia di Borbone-Napoli
Bisnonno paterno:
Ferdinando I delle Due Sicilie
Trisnonno paterno:
Carlo III di Spagna
Trisnonna paterna:
Maria Amalia di Sassonia
Bisnonna paterna:
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena
Trisnonno paterno:
Francesco I di Lorena
Trisnonna paterna:
Maria Teresa d'Austria
Madre:
Luisa Ferdinanda di Borbone-Spagna
Nonno materno:
Ferdinando VII di Spagna
Bisnonno materno:
Carlo IV di Spagna
Trisnonno materno:
Carlo III di Spagna
Trisnonna materna:
Maria Amalia di Sassonia
Bisnonna materna:
Maria Luisa di Borbone-Parma
Trisnonno materno:
Filippo I di Parma
Trisnonna materna:
Elisabetta di Borbone-Francia
Nonna materna:
Maria Cristina di Borbone-Due Sicilie
Bisnonno materno:
Francesco I delle Due Sicilie
Trisnonno materno:
Ferdinando I delle Due Sicilie
Trisnonna materna:
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena
Bisnonna materna:
Maria Isabella di Borbone-Spagna
Trisnonno materno:
Carlo IV di Spagna
Trisnonna materna:
Maria Luisa di Borbone-Parma

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Spain, in "The Times", 8 marzo 1886, p. 5
  2. ^ The Case of Princess Eulalia, in "New York Times", 3 giugno 1901, p. 7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Duca di Galliera Successore
Antonio d'Orléans 4 luglio 1890 – 24 dicembre 1930 Alfonso d'Orléans