Antonio Winspeare, duca di Salve

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Winspeare

Antonio Winspeare, all'anagrafe "Antonio Davide"[1] noto come il duca di Salve per distinguerlo dal cugino omonimo (Napoli, 20 ottobre 1822Depressa, dicembre 1918), è stato un politico italiano.

Appartenente alla famiglia anglo-napoletana dei Winspeare, nel 1848 partecipò all'insurrezione antiborbonica; ottenne da Garibaldi la direzione della Zecca.

Fu prefetto di Lecce per un breve periodo e sindaco di Napoli per un solo anno (1876). Sposò nel 1869 Emma Gallone (1822 - 1883), duchessa di Salve, da cui il titolo e i beni in Terra d'Otranto e in Napoli. La coppia non ebbe discendenti.

Visse al Vomero, in Villa Salve.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Archivio di Stato di Napoli

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M.M. Rizzo, Potere e grandi carriere. I Winspeare, secc. XIX-XX, Congedo, Galatina 2004
  • Rosa Maria Galleni Pellegrini, Antonio Winspeare, Duca di Salve (1822-1918) e Giuseppe Brugnoli, giurista e letterato (1801-1878), in "Atti e Memorie della Deputazione di storia patria per le antiche provincie modenesi", s. XI, vol. XXXIII, 2011, pp. 355-372.