Antonio Gandusio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Gandusio, a destra, vestito di scena con Arnoldo Foà in un'immagine del 1950

Antonio Gandusio (Rovigno d'Istria, 29 luglio 1873Milano, 23 maggio 1951) è stato un attore teatrale e attore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gandusio fu uno dei più famosi brillanti del teatro novecentesco. Si avviò agli studi di giurisprudenza spinto dal padre, avvocato, e conseguì la laurea studiando prima a Genova e poi a Roma, dove coltivò la sua passione per la recitazione che lo spinse a studiare presso una filodrammatica e, successivamente, a trovare scritture presso alcune delle più rinomate compagnie teatrali dell'epoca.

Isa Pola e Antonio Gandusio (seduto) nella commedia teatrale Giocattoli di Carlo Veneziani 1938
Ettore Petrolini, Antonio Gandusio e Leopoldo Fregoli nel 1936 in un'immagine de "Il mattino illustrato"

Nel 1899 ottenne un ingaggio con Alfredo De Sanctis e, successivamente, iniziò lunghe collaborazioni con le compagnie di Irma Gramatica, Flavio Andò, Evelina Paoli, Lyda Borelli, Ugo Piperno, Virgilio Talli, Maria Melato e Annibale Betrone, ottenendo la possibilità di lavorare con attori del calibro di Tina Di Lorenzo, Sergio Tofano e Uberto Palmarini.

Le sue caratteristiche fisiche (voce sgraziata, una lieve gibbosità, viso irregolare) lo resero adatto al ruolo di brillante.

Nel 1918 divenne capocomico, portando in scena un repertorio basato principalmente di pochade e farse: tra i vari allestimenti, però, sono da ricordare anche quelli dei drammi di Luigi Pirandello, di cui Gandusio fu sensibile interprete. L'attività capocomicale lo spinse a farsi interprete di parte della nuova drammaturgia italiana rappresentata dall'opera di Luigi Chiarelli e Luigi Pirandello. Nella sua attività di capocomico, ebbe l'opportunità di dirigere attori quali Paolo Stoppa, Nico Pepe e Nando Gazzolo.

Si spense poco prima di effettuare delle registrazioni teleteatrali per la RAI.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 91108769