Antonio Florio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Florio (Bari, 1956) è un compositore, direttore d'orchestra e musicologo italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Bari, studiò con Nino Rota al Conservatorio di Bari, diplomandosi in violoncello, pianoforte e composizione. Si trasferì poi a Napoli dove si dedicò alla ricerca musicologica contribuendo alla riscoperta di molte composizioni del repertorio barocco composto a Napoli nel XVII e XVIII secolo. Nel 1987 ha fondato l'ensemble Cappella della Pietà de' Turchini di cui è direttore e con il quale ha registrato oltre trenta album che danno una visione completa dell'attività musicale della Napoli dell'epoca barocca.

Fra le opere da lui riscoperte, e talvolta ricostruite nelle parti mancanti, si ricordano La colomba ferita (1670), Il schiavo di sua moglie (1671) e La stellidaura vendicante (1674) di Francesco Provenzale, Il disperato innocente di Francesco Boerio (1673), La finta cameriera di Gaetano Latilla (1673), Li zite’n galera di Leonardo Vinci (1722), Il Pulcinella vendicato di Giovanni Paisiello (1767) e La statira di Francesco Cavalli, questultima nell'edizione del 1666.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Antonio Florio, le Napolitain, Diapason, novembre 1997
  • Antonio Florio - Cavalli à la napolitaine, Opéra International, marzo 2004