Antonio Duprat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antoine Duprat
cardinale di Santa Romana Chiesa
Blason famille fr Duprat.svg
Incarichi ricoperti vescovo di Valence nel 1522
Arcivescovo di Sens dal 1525 al 1535
Amministratore apostolico dell'arcidiocesi di Albi dal 1528 al 1535
Nato 1463
Creato cardinale 21 novembre 1527 da Leone X
Deceduto 1535
Antonio Duprat

Antonio Duprat, o anche du Prat (Issoire, 1463Nantouillet, 9 luglio 1535), fu un nobile francese, cancelliere di Francia e cancelliere di Bretagna. Rimasto vedovo si dedicò agli studi ecclesiastici divenendo prete, poi vescovo ed infine cardinale.

Era figlio di Antonio Duprat, console di Issoire in Alvernia (Francia), e di Jacqueline Bohier. Il cardinale Antoine Bohier du Prat era suo cugino.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era presidente del Parlamento di Parigi (nominato l'8 febbraio 1508) quando Luisa di Savoia gli affidò l'educazione del figlio Francesco duca d'Angoulême (che diverrà re di Francia con il nome di Francesco I), il quale, salito al trono nel 1515, lo nominò cancelliere di Francia.[1]

Egli aveva redatto la Coutume d'Auvergne, raccolta delle leggi civili dell'Alvernia.[2]

Seguì in Italia il re e dopo la battaglia di Marignano negoziò con Papa Leone X, per conto del re, il concordato di Bologna (1516), con il quale il papa rinunciava ai territori di Parma e Piacenza in favore dei francesi e Francesco I revocava la Prammatica Sanzione di Bourges, proclamata circa ottant'antanni prima da Carlo VII di Francia, attenuando così l'indipendenza della Chiesa francese dalla Santa Sede (Gallicanesimo). Il concordato fu ratificato dal Parlamento di Parigi fra roventi polemiche, essendo ad esso contrari la corte, alcune Università e parte del clero francese. Il cancelliere divenne così oggetto di odio diffuso, che aumentò quando, per finanziare i costi della guerra contro Carlo V, egli creò e vendette numerose cariche e pose a carico del clero contributi in denaro.

Nel 1519, alla morte di Filippo di Montauban, cumulò la carica di cancelliere di Francia con quella di cancelliere di Bretagna.

Durante il periodo di assenza e cattività di Francesco I[3] Antonio Duprat acquisì un enorme credito: la reggenza del regno fu tenuta dalla regina Luisa di Savoia, che governava solo seguendo i di lui consigli ed il re, appena rientrato in Francia, annullò un provvedimento che il Parlamento francese aveva emesso contro di lui.

Duprat, rimasto vedovo, nel 1517 venne ordinato sacerdote, nel 1522 fu consacrato vescovo e gli fu assegnata la diocesi di Valence che tuttavia tenne per meno di un anno. Nel 1525 divenne arcivescovo di Sens e due anni dopo, nel concistoro del 21 novembre papa Clemente VII lo nominò cardinale - presbitero con il titolo di Sant'Anastasia. Nel 1528 divenne anche Amministratore apostolico dell'arcidiocesi di Albi. Nel 1530 fu nominato legato pontificio in Francia.

Egli ebbe un ruolo di primo piano nella controversia fra Enrico VIII d'Inghilterra ed il papato per la questione relativa al divorzio, voluto dal re inglese, dalla moglie Caterina d'Aragona. Duprat assunse un atteggiamento opposto a quello di papa Clemente VII in merito, scrivendogli una lettera nel gennaio 1532, con la quale poneva in evidenza i rischi che avrebbe comportato il diniego dell'autorizzazione pontificia al divorzio. Tuttavia, non volendo porre a rischio il concordato fra Santa Sede e Regno di Francia, desistette dall'insistere nella sua tesi.

Non partecipò al conclave del 1534 che elesse papa Paolo III (dopo la morte di Clemente VII egli aveva chiesto il sostegno di Francesco I alla sua candidatura a papa, ma il re di Francia gliela negò).

Un suo pronipote, marchese Duprat, ne scrisse la biografia nel 1857.

Lo storico francese Gabriel Hanotaux, nell'introduzione alla sua Recueil des instructions, definisce il Duprat:

« …uno degli uomini più notevoli dell'antica Francia, secondo solo a Richelieu quanto all'influenza decisiva da lui esercitata sui destini di questo paese. »
(Gabriel Hanotaux)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tale carica implicava anche la funzione oggi denominata di Ministro della Giustizia.
  2. ^ La Coutume d'Auvergne fu prescritta con Lettere Patenti del re Luigi XII del 1510 e registrate nel medesimo anno. Riprendeva la raccolta di leggi nella Practica forensis di Jean Mazuer e nel 1550 fu rivista da un'assemblea di nobili e giuristi.
  3. ^ Dopo la sconfitta francese a Pavia del 25 febbraio 1525, Francesco I, catturato dagli spagnoli, fu tradotto prigioniero a Madrid, ove rimase tale per un anno, liberato solo dopo aver pagato un grosso riscatto in denaro, firmato un umiliante trattato e lasciati i due figli come ostaggi di garanzia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • François Albert-Buisson, Le Chancelier Antoine Duprat, Éditions Hachette, 1935

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente del Parlamento di Parigi Successore
Jean de Ganay
1505 - 1507
1508-1514 vacante fino al 1520
Predecessore Cancelliere di Francia Successore
Jean de Ganay
1508 - 1512
1512-1513 Antoine du Bourg
1514 - 1538
Predecessore Vescovo di Valence Successore BishopCoA PioM.svg
Giovanni di Lorena
1521 - 1522
1522 François Guillaume de Castelnau-Clermont-Ludève
1523 - 1531
Predecessore Amministratore apostolico di Albi Successore BishopCoA PioM.svg
Aymar de Gouffier
vescovo in carica
1523 - 1528
1528 - 1535 Giovanni di Lorena
1535 - 1550
Predecessore Arcivescovo di Sens Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Stefano Poncher
1519 - 1525
1525 - 1535 Luigi di Borbone-Vendôme
1535 - 1557
Predecessore Cardinale presbitero di Sant'Anastasia Successore CardinalCoA PioM.svg
Lorenzo Campeggio
1519 - 1528
1528 - 1535 Cristoforo Giacobazzi
1536 - 1537

Controllo di autorità VIAF: 44184016 LCCN: nr/94/036767