Antonio D'Amato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
D'Amato tra il ministro Federica Guidi ed il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ottobre 2014

Antonio D'Amato (Napoli, 6 giugno 1957) è un imprenditore italiano.

Laureato in giurisprudenza, diviene presidente nel 1991 del gruppo industriale Finseda, fondato dal padre Salvatore.

Dal 2000 al 2004 ricopre la carica di presidente di Confindustria. Nel 2013 è succeduto a Benito Benedini come presidente della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del lavoro
— 1º giugno 2005[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente di Confindustria Successore
Giorgio Fossa 2000 - 2004 Luca Cordero di Montezemolo
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie