Antonio Crast

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Crast in una commedia del 1947.

Antonio Crast (Parenzo, 5 luglio 1911Roma, 21 marzo 1984) è stato un attore teatrale e attore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Teatrografia parziale

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il figlio del corsaro rosso di Fede Arnaud, Alberto Liberati, regia di Primo Zeglio, con Lex Barker, Sylvia Lopez, Antonio Crast Don Juan de Sasebo), Luciano Marin, Vira Silenti, Fanfulla, Vicky Lagos, Roberto Paoletti, Nietta Zocchi, Saro Urzì, Elio Pandolfi, Livio Lorenzon, Diego Michelotti, Franco Fantasia, Giorgio Constantini. Roma, (1958)

La prosa radiofonica RAI[modifica | modifica wikitesto]

TV[modifica | modifica wikitesto]

  • Assassinio nella Cattedrale di Thomas Stearns Eliot, Alberto Castelli (traduzione), regia di Orazio Costa Giovangigli, con Renato Mori, Enzo Consoli, Vito Cipolla, Bruno Alecci, Arnaldo Bollofiore, Rosolino Bua, Mario Lombardini, Antonio Menna, Enrico Salvatore, Ettore Toscano, Ugo Pagliai, Paolo Todisco, Giorgio Pressburger, Pino Manzari, Antonio Crast (Thomas Becket). Roma, (1965)