Antonio Brancati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Brancati (Reggio Calabria, 31 luglio 1907Burca Hobu Lencia, 28 agosto 1937) è stato un militare italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Antonio Brancati nasce a Gallina, allora comune di Reggio Calabria. Brancati, con una vocazione per l'esercito che si manifestava già dai primi anni dell'adolescenza, decise all'età di 17 anni di arruolarsi presso di esso come allievo sotto ufficiale, entrando nel Reparto della Cavalleria. Grazie al suo impegno riuscì ad ottenere la promozione a frequentare i corsi di allievo ufficiale. La sua prima esperienza di comando ebbe luogo nel 1931 in Libia, quindi decise di trasferirvisi, attratto da questa terra, tranne che per alcuni periodi di tempo. Nel 1935 Brancati decise di partecipare da volontario alla guerra d'Etiopia: venne così inviato in Somalia dove ebbe il compito di formare truppe locali e creare un Reparto di cavalleria, l'Alessandria. Il 26 agosto 1937, a capo della Banda a Cavallo Uollàmo, vicino a Burca Hobu Lencia, fu vittima di un'imboscata, ma dopo tre giorni, a causa di due ferite inflittegli, morì. È stato insignito dall'Italia della medaglia d'oro al valor militare[1][2] e Reggio Calabria lo ricorda con l'intitolazione di una strada.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ SINTESI GRAFICHE DI UNA STORIA GLORIOSA. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  2. ^ http://www.quirinale.it/elementi/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=13833