Antonio Benedetto Antonucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Benedetto Antonucci
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
Nato 17 settembre 1798, Subiaco
Ordinato presbitero 22 settembre 1821
Consacrato vescovo 18 luglio 1841 dal cardinale Luigi Lambruschini
Creato cardinale 15 marzo 1858 da papa Pio IX
Deceduto 28 gennaio 1879, Ancona

Antonio Benedetto Antonucci (Subiaco, 17 settembre 1798Ancona, 28 gennaio 1879) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque da una famiglia originaria di Gubbio. Fra i suoi antenati alcuni ricoprirono la carica di gonfaloniere. Studiò a Subiaco materie umanistiche e filosofia. Al Collegio Romano ottenne il 7 settembre 1823 il dottorato in teologia, al quale aggiunse la laurea in utroque iure conseguita all'Università della Sapienza il 22 luglio 1826.

Il 22 settembre 1821 era stato ordinato presbitero. Dal 1824 fu professore di diritto civile e penale. Dal 1829 ebbe incarichi diplomatici nei Paesi Bassi, dove rimase fino al 1840.

Il 17 dicembre 1840 fu nominato vescovo di Montefeltro e il 18 luglio 1841 fu consacrato vescovo a Roma dal cardinale Luigi Lambruschini.

Il 22 luglio 1842 fu trasferito alla diocesi di Ferentino, da cui il 25 luglio 1844 fu promosso arcivescovo titolare di Tarso, con l'incarico di nunzio apostolico presso il Re di Sardegna.

Il 5 settembre 1851 fu trasferito alla diocesi di Ancona e Umana.

Papa Pio IX lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 15 marzo 1858 e il 18 marzo dello stesso anno ricevette il titolo dei Santi Silvestro e Martino ai Monti.

Partecipò al Concilio Vaticano I e al conclave del 1878, che elesse papa Leone XIII.

Morì ad Ancona e fu sepolto nel cimitero cittadino.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]