Antonio Annibale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Annibale
Antonio Annibale.jpg
Antonio Annibale con la maglia del Pisa (1968)
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Altezza 172 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Portiere
Ritirato 1973
Carriera
Giovanili
195?-1959 Inter Inter
Squadre di club1
1959-1961 Inter Inter 4 (-?)
1961-1963 Cesena Cesena 58 (-?)
1963-1964 Lecco Lecco 6 (-?)
1964-1967 Cesena Cesena 99 (-?)
1967-1970 Pisa Pisa 76 (-?)
1970-1972 Cesena Cesena 42 (-?)
1972-1973 Rimini Rimini 10 (-?)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Antonio Annibale (Milano, 10 febbraio 1940) è un ex calciatore italiano, di ruolo portiere.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella giovanili dell'Inter, si affaccia in prima squadra nella stagione 1959-1960 sostituendo in 3 incontri il titolare Enzo Matteucci.

Nell'annata successiva scende in campo in una sola occasione, ed è suo malgrado protagonista di un record negativo: diviene infatti (ed è tuttora), a pari merito col fiorentino Bruno Ballante, il portiere che ha subito il maggior numero di reti in un incontro da un singolo avversario: è infatti fra i pali della formazione giovanile dell'Inter che il presidente Angelo Moratti fa scendere in campo per protesta nella ripetizione della sfida con la Juventus del 10 giugno 1961, vinta 9-1 dai bianconeri con 6 reti di Omar Sívori.[1]

A fine stagione viene ceduto al Cesena con cui disputa da titolare due campionati di Serie C, poi sale di categoria per disputare il campionato di Serie B 1963-1964 col Lecco come riserva di Giuseppe Meraviglia (6 presenze), quindi torna a Cesena per disputare altre tre stagioni in Serie C.

Nell'estate 1967 si trasferisce al Pisa, in Serie B, con cui ottiene alla prima stagione la prima storica promozione dei toscani in massima serie. Disputa da titolare coi nerazzurri (29 presenze su 30 incontri) anche il campionato di Serie A 1968-1969, chiuso al penultimo posto, mentre nella stagione successiva si alterna fra i pali con Pierluigi Grandini.[2]

Nel 1970 inizia la sua terza esperienza al Cesena, dove resterà per due stagioni in Serie B, la prima da titolare. Passa quindi al Rimini in Serie C, dove chiude la carriera ad alto livello.

Ha totalizzato complessivamente 33 presenze in Serie A e 94 presenze in Serie B.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Profilo su Storiainter.com
  2. ^ Profilo di Pierluigi Grandini su Playerhistory.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]