Antonio Ambu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Ambu
Antonio Ambu.JPG
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 165 cm
Peso 55 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Maratona
Record
Maratona 2h18'04" (1967)
Società Lilion Snia Varedo
Carriera
Nazionale
1955-1969 Italia Italia 37
Palmarès
Giochi del Mediterraneo 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Antonio Ambu (Cagliari, 10 maggio 1936) è un ex atleta italiano, specialista del mezzofondo prolungato e della maratona, trentaquattro volte campione italiano assoluto a livello individuale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato alle Olimpiadi di Tokyo nel 1964 e di Città del Messico nel 1968 piazzandosi rispettivamente 40° e 21°. Nel 1962, 1966 e 1967 ha detenuto il primato italiano della maratona. È stato campione italiano per ben 18 volte (6 volte nei 5000, altrettante nella maratona). Ha gareggiato con le maglie delle Fiamme Oro, Pro Sesto e Snia[1]. Nel 1964, 1965 e 1967 vinse il Trofeo Sant'Agata trofeo podistico internazionale che si svolge a Catania.

Record nazionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Maratona: 2h18'04 (Stati Uniti Boston, 19 aprile 1967) - detunuto sino al giugno 1972[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1964 Giochi olimpici Giappone Tokyo Maratona 40º 2h34'37" [3]
1967 Giochi del Mediterraneo Tunisia Tunisi Maratona Oro Oro 2h21'33" [4]
1968 Giochi olimpici Messico Città del Messico Maratona 21º 2h33'19" [3]

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

In tutto i titoli nazionali conquistati furono 34, secondo nella speciale graduatoria ai 40 titoli del marciatore Abdon Pamich.

  • Oro ai Campionati italiani assoluti di atletica leggera
    • 5000 m: 1958 (14’30”2); 1961 (14’33”6); 1962 (14’39”2); 1964 (14’22”6); 1965 (14’04”4); 1967 (14’18”4)[5]
    • 10000 m: 1958 (30’43”8); 1962 (30’52”4); 1964 (30’31”0); 1965 (29’40”0); 1966 (30’12”4); 1967 (29’44”0); 1968 (30’05”2)[5]
    • Maratonina: 1961 (strada, 20 km: 1h02’09”0); 1962 (strada, 1h05’51”1); 1964 (strada, 20 km: 1h01’34”8); 1965 (strada, 20 km: 59’20”0); 1966 (strada, 20 km: 1h02’19”0); 1967 (strada, 20 km: 1h07’10”0); 1968 (strada, 20 km: 59’51”2)[5]
    • Maratona: 1962 (2h24’09”0); 1964 (2h15’24”6); 1965 (2h28’18”0); 1966 (2h22’24”2); 1967 (2h27’04”0); 1968 (2h23’18”2); 1969 (2h23’09”0)[5]
    • Cross: 1959 (8 km: 25’16”0); 1963 (8 km: 26’10”6); 1964 (8,5 km: 26’45”6); 1966 (15,5 km: 43’34”2); 1967 (15 km: 43’51”8); 1968 (15 km: 43’22”4); 1969 (15 km: 47’28”0)[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I successi degli atleti Sardi!
  2. ^ Almanacco della maratona italiana - Storia del record italiano, epodismo.com. URL consultato l'8 marzo 2012.
  3. ^ a b Antonio Ambu - Biography, sports-reference.com. URL consultato l'8 marzo 2012.
  4. ^ MEDITERRANEAN GAMES, gbrathletics.com. URL consultato l'8 marzo 2012.
  5. ^ a b c d e Campionati italiani uomini (PDF), sportolimpico.it. URL consultato il 2 marzo 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Antonio Ambu in sports-reference.com, Sports Reference LLC.