Antonia Caenis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonia Caenis (... – ...) è stata una schiava, poi affrancata, di Antonia minore, la madre dell'imperatore Claudio, per la quale svolgeva il compito di segretaria[1].

L'ara funeraria di Antonia Caenis

Durante il matrimonio di Vespasiano con Flavia Domitilla maggiore divenne dapprima l'amante dell'imperatore[2] e poi, alla morte della moglie, nel 69, la sua concubina, e tale rimase anche dopo che Vespasiano salì al trono.[2]

Antonia Caenis ebbe una forte influenza su di lui e accumulò ingenti fortune attraverso i doni offerti da coloro che tentavano così di guadagnare i favori dell'imperatore[3]. Ma nonostante venisse considerata dall'imperatore alla stregua di una moglie legittima,[2] Svetonio ci narra un episodio in cui Domiziano, il figlio di Vespasiano, la trattò con disprezzo, porgendole la mano da baciare[4].

Visse a Roma in una lussuosa villa sulla via Nomentana nei pressi di Porta Nomentana, dove morì nel 74 (o 75)[5]. A lei è dedicata un'iscrizione trovata su un'ara della villa:

(LA)
« Dis Manib(us) Antoniae Aug(ustae)
l(ibertae) Caenidis optumae patron(ae)
Aglaus l(ibertus)
cum Aglao / et Glene et Aglaide / filiis
 »
(IT)
« Agli Dei Mani di Antonia Caenis,
liberta di un'Augusta, ottima patrona
(dedicatale da) il liberto Aglao,
con i figli Aglao, Glene e Aglaide »
(CIL VI, 12037)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cassio Dione - Storia di Roma - Epitome del Libro LXV. URL consultato il 2-11-2010.
  2. ^ a b c Svetonio, Vita di Vespasiano 3.
  3. ^ Biografia di Caenis. URL consultato il 1-11-2010.
  4. ^ Vite dei Cesari - Domiziano. URL consultato il 1-11-2010.
  5. ^ (EN) Funerary Inscription for Antonia Caenis. URL consultato il 2-11-2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]