Anton Rupert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Anthony Edward Rupert (Graaff-Reinet, 4 ottobre 1916Stellenbosch, 18 gennaio 2006) è stato un imprenditore sudafricano.

La parabola della carriera di Rupert dura oltre sessanta anni, e secondo alcune fonti iniziò il suo impero economico, con un investimento di appena 10 sterline. Una carriera lunga e fortunata che portò il suo nome già nel 1941 nella lista delle 500 famiglie più ricche del mondo, stilata da Forbes. Alla sua dipartita il suo patrimonio personale ammontava a $ 1,7 miliardi.

Costretto ad abbandonare gli studi di medicina per problemi finanziari, Rupert guadagna una borsa di studio presso la facoltà di chimica dell'Università degli Studi di Pretoria, dove si laurea e insegna per qualche tempo. Il suo talento imprenditoriale lo portò altrove, ed aprì una lavanderia, come sua prima attività.

Qualche tempo dopo, con un piccolo investimento iniziale , insieme con due soci, avviò la produzione di sigarette nel suo garage, un ramo d'attività, quello del tabacco, successivamente incorporato nel conglomerato industriale del gruppo Rembrandt. Negli anni successui Rupert sovrintende alla riorganizzazione industriale del gruppo Rembrandt, in seguito ad una progressivo e costante processo di acquisizione di marche del lusso. Il gruppo Rembrandt fu diviso in Remgro (una holding finanziaria di investimento, cn interessi diversificati in campo minearaio e industriale) e Richemont (con sede a Ginevra, con spicata vocazione all'investimento nei prodotti di lusso). Attualmente, questo impero comprende centinaia di società con sedi in 35 paesi su sei continenti, che complessivamente realizzanoc un fatturato annuale di 10 miliardi di euro.

Rupert è stato un generoso filantropo, profondamente coinvolto nella tutela dell'ambiente e nel finanziamento delle belle arti; fin dal 1964 le fondazioni istituite dalla Rembrandt hanno utilizzato una parte dei profitti del gruppo per la promozione di istruzione, l'arte, la musica e la conservazione di edifici storici .

Egli ha inoltre svolto un ruolo importante nel Sud Africa Small Business Development Corporation (SBDC), una società senza scopo di lucro i cui prestiti alle piccole e medie imprese hanno creato quasi mezzo milione di posti di lavoro dal 1981. Essere apertamente critica nei confronti della apartheid sistema nel corso di tale periodo, sia in patria che all'estero, ha recentemente citato dal Presidente Thabo Mbeki, come l'uomo che ha invitato la leadership Apartheid a "fare qualcosa di coraggioso" e di creare partnership con la maggioranza nera negli anni'80.

Nel 2004 è stato votato in 28.Top 100 Gran sudafricani.

Rupert ha istituito la società del tabacco "Voorbrand" nel 1940, presto ribattezzata Rembrandt Ltd., i cui interessi oltremare nel tabacco si consolidati in Rothmans nel 1972.

Nel 1988, da Rembrandt scaturì il gruppo svizzero dei beni di lusso Richemont, che a sua volta ha acquisito quote di Rembrandt's Rothmans. Richemont possiede anche i marchi di Cartier (gioielleria) ;Alfred Dunhill e Sulka (progettista di abbigliamento); Seeger (borse); Piaget,Baume & Mercier e Vacheron Constantin (orologi svizzeri) e Montblanc (strumenti per la scrittura).

Nel 1995, Rembrandt e Richemont consolidarono i rispettivi interessi nel tabacco facendoli confluire in Rothmans International, il quarto più grande produttore al mondo di tabacco.

Nel 1999, Rothmans International si fuse con British American Tobacco(BAT), la seconda produttore al mondo produttore di tabacco. Remgro tenne il 10% della fusione e Richemont terrà 18,6% delle BAT prima della definitiva separazione.

Il figlio di Anton, Johann Rupert, è attualmente l'amministratore delegato e presidente di Richemont e di Remgro.

Rupert è stato un membro fondatore del World Wildlife Fund (WWF) e ha ricoperto il ruolo di presidente della filiale sudafricana dell'organizzazione, con particolare attenzione alla creazione di parchi naturali sovranazionali.

Morì nel sonno a 89 anni; a lui sono sopravvissuti il figlio Johann, la figlia Hanneli e sei nipoti. Sua moglie e il suo giovane figlio Anthonij erano morti prima di lui.

Controllo di autorità VIAF: 35569315 LCCN: n/80/23047