Anton Gino Domeneghini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Anton Gino Domeneghini (Darfo, 30 aprile 1897Milano, 6 novembre 1966) è stato un produttore cinematografico e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Partecipa alla prima guerra mondiale, e come esperto in comunicazione, diventa il portavoce di Gabriele D'Annunzio, dopo la fine delle ostilità belliche si occupa a Milano come creativo in campagne pubblicitarie sino a divenire il responsabile della Compagnia I.M.A. (Idea Metodo Arte), una delle maggiori imprese italiane nel campo della pubblicità dove rimane sino alla fine degli anni '50,

Con l'arrivo nelle sale italiane dei film a cartoni animati della Disney, ha l'idea di produrre un lungometraggio di animazioni, dopo aver scelto il racconto La rosa di Bagdad contatta un gruppo di disegnatori per la realizzazione della pellicola, che avrà come disegnatori principali Libico Maraja, uno dei maggiori illustratori di libri del periodo e Guido Zamperoni.

Il gruppo di disegnatori si mette al lavoro e nello spazio di 2 anni realizza migliaia di disegni, ma lo scoppio della seconda guerra mondiale ferma la produzione e rimanda a tempi migliori il completamento del film, solo nel 1947 i disegni vengono inviati allo stabilimento Technicolor di Londra dove verranno fotografati e rispediti in Italia sotto forma di lunghe sequenze su pellicola che saranno poi montate da Lucio De Caro, il lavoro sarà terminato poi a Roma, dove con il doppiaggio presso la C.D.C. la pellicola sarà pronta per la presentazione nelle sale nel 1949, con una tiepida accoglienza che convincerà Domeneghini a riprendere il suo lavoro di pubblicitario, dopo alcuni cortometraggi realizzati nei primi anni '50.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]