Antinoo (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antinoo

Antinoo è il nome di tre figure della mitologia greca:

  1. Il più conosciuto è uno dei Proci che più insidiavano il trono di Itaca e aspiravano alla mano di Penelope, moglie di Ulisse. Era figlio di Eupite.
  2. Uno dei figli illegittimi di Priamo.
  3. Un guerriero acheo, ucciso da Ettore o da Deifobo.

Antinoo, figlio di Eupite[modifica | modifica sorgente]

È l'antagonista del libro di Omero l'Odissea, che narra le avventure di Ulisse dalla guerra di Troia al suo ritorno in patria. Nel libro I dell'Odissea di Omero è descritto come il più bello e il più supponente dei Proci (ma è un personaggio molto violento, arrogante e volgare), che, durante l'assenza di Ulisse, avevano invaso il suo palazzo e cercavano di sposare Penelope. Si distingueva per violenza, brutalità, orgoglio e durezza. Durante l'assenza di Ulisse tentò di far perire Telemaco, cercando poi di guidare i suoi compagni alla corsa dei beni di Ulisse. Insultò Eumeo allorché il vecchio guardiano di porci introdusse Ulisse sotto forma di mendicante nel palazzo, incitò Iro contro Ulisse, che neanche allora riconobbe, e infine venne ucciso dalla prima freccia di quest'ultimo, durante la scena del riconoscimento, mentre portava una coppa alle labbra.

Sarebbe questa l'origine dell'espressione: «quanto è lontano dalla coppa alle labbra».

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Odissea.
mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca