Antigeni nucleari estraibili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli antigeni nucleari estraibili, noti anche come ENA (sigla dell'inglese extractable nuclear antigens), sono componenti del nucleo cellulare che possono essere legati da anticorpi e causare una risposta immunitaria. Possono essere coinvolti nella patogenesi di numerose malattie autoimmuni quando vengono riconosciuti e legati da specifici autoanticorpi.

Tali antigeni sono circa un centinaio, ma solo sei sono utilizzati diffusamente nelle indagini di laboratorio: Ro, La, Sm, RNP, Scl-70 e Jo1[1]. La presenza di anticorpi diretti verso tali antigeni rappresenta spesso un biomarcatore molto sensibile o molto specifico per determinate malattie, tra le quali il lupus eritematoso sistemico, l'artrite reumatoide e la sclerodermia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ HE. Prince, WR. Hogrefe, Evaluation of a line immunoblot assay for detection of antibodies recognizing extractable nuclear antigens. in J Clin Lab Anal, vol. 12, nº 5, 1998, pp. 320-4, PMID 9773966.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Todesco, Gambari, Punzi, Malattie Reumatiche, edizione Mc Graw-Hill

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina