Antifate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella mitologia greca, Antifate era il nome di tre personaggi:

  • il re dei Lestrigoni, i giganti che ostacolarono Odisseo (chiamato anche Ulisse) nelle sue avventure
  • un guerriero troiano nell'Iliade
  • un giovane guerriero licio, figlio illegittimo di Sarpedonte, menzionato nell'Eneide

Il mito[modifica | modifica sorgente]

Antifate il Lestrigone[modifica | modifica sorgente]

Antifate era il re dei Lestrigoni, un gruppo di giganti antropofagi, ovvero cannibali. Odisseo nel peregrinare nelle sue avventure s'imbatté in lui. Il re di Itaca aveva diverse navi, ma furono tutte distrutte meno una dalla furia dei giganti, che alla fine divorarono uno dei suoi compagni.

Antifate di Troia[modifica | modifica sorgente]

Antifate era un troiano che combatté per la difesa della sua città quando essa venne assediata dagli Achei. Fu ucciso in combattimento dal lapita Leonteo.

Nella sua traduzione dell'Iliade, Vincenzo Monti trasforma il nome del personaggio in "Antifonte".

Antifate di Licia[modifica | modifica sorgente]

Antifate era il nome del figlio illegittimo del re licio Sarpedonte, che l'aveva generato con una schiava. Combatté insieme col padre nella guerra di Troia, schierandosi a difesa della città. Poco prima della fine della guerra Sarpedonte fu ucciso per mano di Patroclo; quando Troia cadde, Antifate si unì ai troiani di Enea. Sbarcati nel Lazio, dovettero combattere contro le popolazioni locali: in questo nuovo sanguinoso conflitto, Antifate fu ucciso da Turno, il re dei Rutuli, massimo avversario di Enea.

Pareri minori[modifica | modifica sorgente]

Antifate rapito dal serpente insieme ai suoi famigliari

Vi è anche un altro personaggio di nome Antifate, la cui paternità non è chiara: secondo alcuni autori era il nome di uno dei figli di Laocoonte, morto stritolato da un grosso serpente insieme al fratello ed al padre; secondo altri pareri Antifate era figlio dell’indovino Melampo.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Antifate significa “profeta”, “colui che parla per bocca del dio”.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Moderna[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]