Anticoli Corrado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anticoli Corrado
comune
Anticoli Corrado – Stemma
Anticoli Corrado – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Roma-Stemma.png Roma
Amministrazione
Sindaco Roberto Falconi (lista civica uniti per Anticoli) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 42°01′00″N 12°59′00″E / 42.016667°N 12.983333°E42.016667; 12.983333 (Anticoli Corrado)Coordinate: 42°01′00″N 12°59′00″E / 42.016667°N 12.983333°E42.016667; 12.983333 (Anticoli Corrado)
Altitudine 508 m s.l.m.
Superficie 16,28 km²
Abitanti 942[1] (31.12.2011)
Densità 57,86 ab./km²
Comuni confinanti Mandela, Marano Equo, Rocca Canterano, Roviano, Saracinesco
Altre informazioni
Cod. postale 00022
Prefisso 0774
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 058006
Cod. catastale A309
Targa RM
Cl. sismica zona 2B (sismicità media)
Cl. climatica zona E, 2 408 GG[2]
Nome abitanti anticolani
Patrono santa Vittoria
Giorno festivo 23 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Anticoli Corrado
Posizione del comune di Anticoli Corrado nella provincia di Roma
Posizione del comune di Anticoli Corrado nella provincia di Roma
Sito istituzionale

Anticoli Corrado (Antìcuri in dialetto locale[3]) è un comune italiano di 943 abitanti della provincia di Roma nel Lazio.

Il paese visto da sotto in una foto degli anni settanta
La Chiesa di S.Pietro

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Anticoli Corrado sorge a 508 metri sul livello del mare, su di un costone dei monti Ruffi, che domina la valle dell'Aniene.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'origine del nome pare derivare dal toponimo medievale del luogo, che già prima dell'anno 1000 figura tra i possedimenti del monastero di S. Erasmo al Celio, con il nome di "Fundus Antikuis" (verosimilmente da Ante Colles, "davanti ai colli").

Il suffisso Corrado è da attestare, con ogni probabilità, al signore Corrado di Antiochia; le prime notizie storiche di Anticoli Corrado, infatti, sono legate al sovrano nipote di Federico II di Svevia.

Il paese decise di aggiungere il nome del sovrano a quello di Anticoli per ricordare re Corrado, il più illustre signore della sua storia, e rendergli omaggio.

Anticoli Corrado è anche conosciuta come "Il paese degli artisti e delle modelle" [4]: nella prima metà dell'800, infatti, venne scoperta dai numerosissimi pittori stranieri, arrivati a Roma dal nord dell'Europa alla ricerca dei paesaggi e delle atmosfere tipiche della campagna romana. Gli artisti affittarono molte stalle del paese, trasformandole nelle proprie abitazioni e in studi (un censimento del 1935 ne contava ben 55). Le donne del paese, divennero in breve note per la loro bellezza, e divennero delle modelle a tutti gli effetti, molto richieste anche al di fuori del paese, soprattutto per quadri e affreschi di tema religioso, che ornano ancor oggi le chiese della Valle dell'Aniene e dintorni.

Agli inizi degli anni trenta, ad Anticoli si incontrarono personalità artistiche del calibro di Oskar Kokoschka, Felice Carena e Luigi Pirandello, in paese con il figlio Fausto, pittore. Inoltre, vi soggiornava in estate, negli anni '70, il grande poeta spagnolo Rafael Alberti con sua moglie. In paese ha dimorato anche lo scrittore Ignazio Silone, il quale è ricordato da una targa in pietra.

Anticoli Corrado nel 1939

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

  • Chiesa di S.Pietro (XI secolo).
  • Chiesa di S.Nicola da Myra - località S.Nicola
  • Chiesa di S.Vittoria
  • Chiesa di S.Rocco
  • Chiesa della Madonna del Carmelo
  • Chiesa della S.S. Trinità
  • Santuario della Madonna del Giglio

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

  • Palazzo Baronale (XVII secolo).
  • Piazza delle Ville, con la fontana di Arturo Martini
  • monumento dei caduti di Attilio Selva 1956 ristrutturato nel 2013

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT[6] al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 87 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Romania Romania 71 7,33%

Tradizioni e folclore[modifica | modifica sorgente]

  • gennaio: Presepe vivente.
  • febbraio: Sfilata di carri allegorici per il Carnevale.
  • Venerdì Santo: processione con la statua lignea del cristo morto per le vie del paese
  • 15 agosto: Maria SS. Assunta: rito dell'inchinata e processione.
  • seconda domenica di settembre feste patronali della Madonna del giglio e di san Rocco
  • 23 dicembre: Festa di Santa Vittoria, patrona del paese.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

Musei[modifica | modifica sorgente]

Cucina[modifica | modifica sorgente]

  • I "cazzaregli": un tipo di pasta fatta con farina di grano e granturco, solitamente condita con sugo di pomodoro, aglio, olio d'oliva e peperoncino.
  • Le "pizze fritte": un tipo di focaccia fritta nell'olio, bassa, dolce o salata.
  • Olio d'oliva: il paese ed i dintorni ospitano numerosi oliveti e frantoi.
  • Ciambelle all'anice.

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • luglio-settembre: Estate anticolana.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nel 1969 la cittadina è il set dove si gira Il segreto di Santa Vittoria, film di Stanley Kramer con un cast internazionale composto da attori italiani e stranieri, tra i quali Anna Magnani, Anthony Quinn, Virna Lisi, Renato Rascel e Giancarlo Giannini.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ ISTAT data warehouse
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 31.
  4. ^ "L'Unità", 12 agosto 2007
  5. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Statistiche demografiche ISTAT

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]