Anticipation (album Carly Simon)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anticipation
Artista Carly Simon
Tipo album Studio
Pubblicazione novembre 1971
Dischi 1
Tracce 10
Genere Rock
Etichetta Elektra Records (EKS-75016)
Produttore Paul Samwell-Smith[1][2]
Carly Simon - cronologia
Album precedente
(1971)
Album successivo
(1972)

Anticipation fu il secondo album della cantautrice Carly Simon, pubblicato nel novembre del 1971[3], solo nove mesi dopo l'uscita dell'album di debutto Carly Simon, fu disco d'oro[4] e vendette nei soli Stati Uniti oltre 500.000 copie e la canzone Anticipation ebbe una nomination al Grammy del 1972 come miglior canzone Pop vocale femminile[5].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Brani composti da Carly Simon, eccetto dove indicato

Lato A
  1. Anticipation – 3:19
  2. Legend in Your Own Time – 3:45
  3. Our First Day Together – 3:29
  4. The Girl You Think You See – 3:07 (Carly Simon, Jacob Brackman)
  5. Summer's Coming Around Again – 4:10 (Carly Simon, Jimmy Ryan, Paul Glanz)
Lato B
  1. Share the End – 3:58 (Carly Simon, Jacob Brackman)
  2. The Garden – 4:08 (Carly Simon, Jacob Brackman)
  3. Three Days – 3:19
  4. Julie Through the Glass – 3:23
  5. I've Got to Have You – 4:45 (Kris Kristofferson)

[6]

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Anticipation in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 12 novembre 2014.
  2. ^ (EN) Carly Simon - Anticipation - 1971, carlysimon.com. URL consultato il 12 novembre 2014.
  3. ^ (EN) Anticipation by Carly Simon, rateyourmusic.com. URL consultato il 12 novembre 2014.
  4. ^ (EN) Album artist 372 - Carly Simon, tsort.info. URL consultato il 12 novembre 2014.
  5. ^ (EN) Carly Simon Official Website - Awards, carlysimon.com. URL consultato il 12 novembre 2014.
  6. ^ (EN) Anticipation in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 12 novembre 2014.
  7. ^ (EN) Anticipation in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 12 novembre 2014.
  8. ^ (EN) Carly Simon - Anticipation - 1971, carlysimon.com. URL consultato il 12 novembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]