Antiarchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Antiarchi
Bothriolepis panderi.jpg
Fossile di Bothriolepis panderi
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Placodermi
Ordine Antiarchi

Gli antiarchi (Antiarchi) sono un ordine di pesci placodermi, vissuti principalmente nel Devoniano. Furono l’ordine di placodermi di maggior successo dopo quello degli artrodiri.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La porzione frontale del corpo degli antiarchi era pesantemente corazzato, fino al punto di assomigliare a una scatola dotata di occhi. La parte posteriore poteva essere dotata di scaglie o nuda e sporgeva dalla “scatola”; nelle forme più evolute, questa parte era quasi serpentiforme. Il paio di pinne pettorali era modificato in un paio di appendici corazzate, simili alle zampe degli artropodi. Negli antiarchi primitivi (come Yunnanolepis) le “zampe” erano corte e spesse, ma quelli più evoluti (come Bothriolepis) possedevano strutture allungate e dotate di un’articolazione simile a quella del gomito. La funzione di queste zampe non è ancora perfettamente compresa; molti studiosi ipotizzano che aiutassero l’animale a sollevarsi dal substrato, così come gli permettessero di seppellirsi sotto la sabbia in caso di necessità.

Significato del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome fu coniato da Edward Drinker Cope, ch studiò i primi fossili. Il paleontologo ritenne che i resti rappresentassero dei tunicati corazzati imparentati con Chelysoma; Cope, quindi, erroneamente pensò che l’orbita fosse la bocca dell’animale, e che l’apertura per il sifone anale fosse sull’altro lato del corpo: da qui il nome antiarchi, che in greco significa “ano opposto”.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Long, John A. The Rise of Fishes: 500 Million Years of Evolution Baltimore: The Johns Hopkins University Press, 1996. ISBN 0-8018-5438-5

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci