Anthony Phillips

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anthony Phillips
Anthony Phillips nel 2005
Anthony Phillips nel 2005
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Musica classica
Rock
Rock progressivo
Periodo di attività 1967 – in attività
Album pubblicati 32
Studio 25
Raccolte 7

Anthony Edwin Phillips (Londra, 23 dicembre 1951) è un chitarrista britannico che faceva parte della prima formazione dei Genesis con i quali fu chitarrista e vocalist fino a quando lasciò il gruppo (1970).

Phillips - al pari degli altri fondatori dei Genesis - era un ragazzo di buona famiglia inglese che negli anni sessanta frequentava la Charterhouse School assieme a Peter Gabriel, Mike Rutherford e Tony Banks.

Abbandona i Genesis colto da "fobia da palco" (in realtà pare fossero sorti dissidi con Gabriel) e viene sostituito da Steve Hackett.

Dopo aver lasciato i Genesis, Phillips studiò musica classica e registrò assieme a Harry Williamson, Mike Rutherford e Phil Collins, il suo primo album solista, The Geese and the Ghost, pubblicato nel 1977. Zeppo di ballate pastorali e lunghe composizioni, venne considerato fuori posto, "superato", nel periodo in cui prendeva piede il punk e vendette pochissime copie.

Phillips pubblicò il suo secondo album nel 1978, intitolandolo Wise After The Event. Nell'anno successivo diede alla luce Sides. Entrambi questi album intendevano raggiungere un buon successo di pubblico, ma i risultati non furono lusinghieri.

Nella sua pubblicazione iniziale, "Sides" era accompagnato da un album più sperimentale intitolato Private Parts and Pieces. Private Parts and Pieces II seguì l'anno dopo, e diversi altri "sequel" vennero pubblicati negli anni ottanta e novanta.

Phillips iniziò a scrivere del materiale con Andy Latimer dei Camel nel 1980, e comparve nel loro album The Single Factor (pubblicato nel 1981).

Pubblicò, inoltre, un album di musica pop intitolato Invisible Men nel 1983. In seguito dichiarò che quel progetto andò "terribilmente male" a causa delle pressioni commerciali, e che in seguito avrebbe evitato di ricercare il successo popolare in favore della produzione di materiale più specialistico.

Attualmente Anthony Phillips è coinvolto in diversi progetti musicali, tra cui un grosso lavoro sulle colonne sonore in Inghilterra. A metà degli anni Novanta, ha pubblicato un album intitolato The Living Room Concert, che presenta versioni acustiche e solistiche di suoi materiali precedenti.

Da notare anche che Phillips ha fornito materiale di archivio per il primo cofanetto dei Genesis, pubblicato nel 1998.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con i Genesis[modifica | modifica wikitesto]

Album solista[modifica | modifica wikitesto]

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

  • Harvest of the Heart (1985)
  • Anthology (1995)
  • Legend (1997)
  • Legend (1999) [Different release than above]
  • Soft Vivace (2002)
  • All Our Lives (2002)
  • Soundscapes (2003)

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Tarka (1988, con Harry Williamson)
  • Gypsy Suite (1995, con Harry Williamson)
  • Meadows of Englewood (1996, con Guillermo Cazenave)
  • Missing Links Volume 3: Time and Tide (1997, con Joji Hirota)
  • Live Radio Sessions (1998, con Guillermo Cazenave)
  • Wildlife (2008, con Joji Hirota)

Partecipazioni in altri Album[modifica | modifica wikitesto]

  • Mike Rutherford: Smallcreep's Day (1980)
  • Camel: The Single Factor (1982)
  • Iva Twydell: Duel (1982)
  • Asha (Denis Quinn): Open Secret (1987)
  • Asha (Denis Quinn): Mystic Heart (1989)
  • Asha (Denis Quinn): Amadora (1991)
  • David Thomas & Ronnie Gunn: The Giants Dance (1996)
  • Mother Gong: Battle of the Birds (2004)
  • ProgAID: All Around The World (2004)
  • Steve Hackett: Out of the Tunnel's Mouth (2009)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Giammetti, Anthony Phillips - The Exile, Edizioni Segno, 2008

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 79739115 LCCN: nb/2002/48440

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo